You are here: /

SLEEP: JERUSALEM

data

21/10/2007
90


Genere: Doom
Etichetta: Rise Above
Anno: 1998

Con l’esordio degli Sleep intitolato 'Volume One', nel 1991, si incomincia a parlare di “stoner”, proprio per la loro attitudine al consumo di droga, e al fare della loro musica una vera e propria soundtrack per stupefacenti viaggi nel mondo della marijuana. Poi il loro esperimento continua, in una particolarissima e personale interpretazione del doom, studiata e calibrata proprio per sconvolgere l’ascoltatore, infatti 'Holy Mountain' nel 1993 apre nuovi scenari nebbiosi e acidi alla loro musica, ancora purtroppo eccessivamente grezza e bloccata da una produzione non degna. Dopo cinque anni, e dopo peripezie dovute al rifiuto della Polygram di pubblicare il disco, finalmente viene dato alla luce 'Jerusalem', dalla coraggiosa Rise Above (etichetta di riferimento per i cultori dello stoner e del doom), ossia un album monotraccia di 52 minuti, una cosa indigeribile e incomprensibile da lucidi, quindi difficilmente spiegabile o comunicabile se non come una lunga e sabbiosa liturgia doom al limite, ossia il doom che si spinge oltre qualsiasi barriera mai affrontata dal genere, in un lungo cammino visionario, ampiamente descritto nel testo onirico e colorito, nella Terra Santa, dove diverse religioni, diverse spiritualità, diversi modi di trascendere la realtà si incontrano, dove i popoli lasciano che il loro oppio li conduca verso terre che superano la banalità e la finitudine della realtà, e si gettano nella magia e nell’incanto di un’ora scarsa di visioni, suggestioni, dove stonarsi, nausearsi e magari, infine, ritrovarsi. Ogni cosa, nel testo, nelle sensazioni che si provano, nella poetica della band, verte attorno alla droga, un vero e proprio culto della marijuana, con un credo, sacerdoti ed apposite chiese e templi dove coltivarla, e scenari naturali spettacolari dove consumarla. Musicalmente siamo vicini agli Earth pre-drone, solo in una salsa molto più metallica che vede la presenza di momenti di musica condensata, lentissima, inesorabilmente ripetitiva e martoriante, ma anche momenti in cui tutto questo si disfa nella vibrazione pura e claustrofobica. La spiritualità di Matt Pike, il leggendario chitarrista tra i più fieramente grezzi della storia, si dispiega nei suoi riff infiniti come montagne che si perdono tra le nubi; la sua ferocia viene fuori nei suoi lunghi e crespi solismi che sono tra il disturbante e il nevrotico; Al Cisneros, invece, declama elegie del bong (raffigurato all’interno e all’esterno dell’artwork), vomitando catrame a tutta forza, e col suo basso innalza droni dolorosi e gusci marmorei impenetrabili per quanto sono saturi di elettricità. Chris Hakius, dietro le pelli, scandisce tempi che sanno di cerimoniale religioso o di carovana di pellegrini, e se a volte conosce l’abile arte dell’affondo impietoso, sa anche contenersi per dare spazio alla vibrazione che dilaga e trasforma la musica-spirito in rumore-materia e viceversa, come se questo 'Jerusalem' fosse una Pietà di Michelangelo resa attraverso la musica estrema, ossia un esempio di musica che prende forma innalzandosi dal rumore, immortalata non quando è ormai sgrassata e ripulita dalla materia che la avvolge, ma proprio quando vi si sta ancora districando, proprio quando, lentamente si innalza. Il produttore Billy Anderson valorizza l’aura nera degli Sleep e ne trae il loro senso ultimo, sottolineando le dilatazioni e raccogliendo tutte le sbavature in un quadro complessivo che vive e si nutre di tutto, anche e soprattutto dei particolari e delle deviazioni rumorose. N.B. Nel 2003 la Tee Pee ha ristampato con una copertina diversa il disco, ora intitolato 'Dopesmoker' aggiungendovi una traccia in più.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Aromysez

ARMORY
Plan B - Malmö

Con le restrizioni causa Covid-19 che si inaspriscono (niente alcool dopo le 22 e numero massimo di partecipanti ridotto all'indomani dell'evento da 50 a 8), questo in esame potrebbe essere stato l'ultimo appuntamento del genere per chissà quanto t...

Nov 26 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web