You are here: /

SCUORN: Parthenope

data

06/03/2017
83


Genere: Symphonic Folk Black Metal
Etichetta: Dusktone
Distro:
Anno: 2017

La maggioranza dei gruppi italiani prova una immensa vergogna delle proprie tradizioni, di mettersi veramente in gioco e di riappropriarsi delle radici. Certe leggende, figure storiche o di fantasia del passato favoloso o reale dei nostri antenati sono state dimenticate, lasciate con superficialità e provincialismo a un certo tipo di pubblico, quello delle vecchine dei paesi dell'entroterra o degli amanti delle tarantelle come balli di gruppo. Gliele abbiamo regalate. Eppure per noi metallari amanti dell'occulto e del mistero avrebbero dovuto essere materiale caldo da cui attingere senza sosta per un numero impressionante di album. Diciamo la verità: è più semplice e comodo avere il culo riparato da Lovecraft, i vampiri e i vichinghi, ma la ripetitività rende il tutto sempre più banale e i testi col passare del tempo sono sempre più svalutati e accolti con un semplice sbadiglio. Per questo ci si alza subito in piedi quando esce fuori un progetto come gli Scuorn, che di vergogna ne fanno provare veramente tanta a tutti quelli che non hanno il coraggio di osare. Sì perchè se una persona qualunque come Giuliano Latte, che non ha alle spalle una major facoltosa come la Napalm per gli Ex Deo, riesce dal nulla a concepire e realizzare un prodotto complesso da tutti i punti di vista come 'Parthenope', allora veramente non ci sono scuse per chi ha già le spalle coperte e si perde in un bicchier d'acqua. Penso ai centomila gruppi di black metal sinfonico che ancora oggi copiano gli Emperor, o vogliono sembrare internazionali, asettici e super professionali, perdendo di vista l'obiettivo: la personalità. Ascoltando l'appassionante debutto di Scuorn non vengono in mente i soliti nomi come Dimmu Borgir o Cradle of Filth, siamo ad un livello superiore che punta alla immediata riconoscibilità e localizzabilità: questa one man band fa brillare in positivo la sua provenienza geografica e ha prenotato un posto di lusso tra gli Inchiuvatu, gli Stormlord e i Darkend. Non è solo questione di cantato in dialetto napoletano, che comunque è un profilo di interesse. I Carach Angren non hanno questo carattere così sfrontato, per esempio, e mai lo avranno. I brani sono altamente cinematografici, spettacolari quanto e più di quanto visto col gruppo di Folchitto e trasportano totalmente l'ascoltatore in un'atmosfera mitica e unica, con una forza magnetica invidiabile. È folk suonato con serietà, che si fonde con il symphonic black e ti fa ripensare a tutte le volte che hai sentito questa, o quella melodia tipica nelle occasioni più disparate, ed alla vitalità che queste riescono a conquistare se trapiantate in tale contesto cupo e magico in cui si vive a contatto con Virgilio, Plinio il Vecchio, Ulisse e San Gennaro. Vi sembra sciocco il sacchetto di pietre del Vesuvio incluso nell'edizione deluxe? Se ne può parlare, però ammettete che l'idea, come praticamente ogni cosa in Scuorn, è originale. Un lavoro superfluo il cd bonus nell'edizione digibook con tutte le canzoni in versione orchestrale? Sì, per completezza lo farete probabilmente vostro, ma non arriverete indenni neanche a metà dell'ascolto, è la riprova della distanza pressoché incolmabile tra la concezione di musica classica dei metallari e quella delle opere liriche o sinfoniche. Ma non toccate il cuore di 'Parthenope', o meglio, potrete anche provare a farlo, ma i suoi battiti preziosissimi continueranno a echeggiare per moltissimo tempo. Scuorn ha già una sua nicchia nella piccola/grande storia del metal italiano, deve solo decidere come continuare a sfruttarne lo spazio.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

  • Crash

    Spettacolari. Visti dal vivo e mi sono piaciuti da morire. Sinceramente a primo impatto sono scoppiato a ridere, il vestito da Pulcinella BM era troppo. Spero possano proporsi meglio, perché meritano di essere conosciuti.

Lascia un commento

live report

Mdslide

METAL DAYS - WEEKEND OF SOLACE
- Tolmin

Il festival Metal Days era stato cancellato, ma gli organizzatori, con minimo preavviso, visto l'opportunità di organizzare qualcosa di simile e forti di 2000 potenziali adesioni richieste via web entro una certa data per portare avanti il processo organiz...

Sep 23 2021

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web