You are here: /

HARDSOUNDS POLL 2022: La resa dei conti

Pollo.2022

La resa dei conti 2022. Come ogni anno la redazione ha scelto quello che ritiene sia il meglio dell'anno ormai alla fine in mezzo alla solita infinita quantità di uscite. Moltissimi i dischi ascoltati, alcuni già dimenticati, molti altri invece hanno fatto breccia nei nostri cuori. A conferma di ogni appuntamento passato in materia, anche nel 2022 è l'eterogeneità a farla da padrona nelle varie Top 10, e non potrebbe essere altrimenti essendo la poll di Hardsounds. Noi che amiamo i generi, ma li trascendiamo con particolare piacere...


ANDREA PUNZO
ARENA - The Theory Of Molecular Inheritance
BANCO DEL MUTUO SOCCORSO - Orlando: Le Forme dell'Amore
GOO GOO DOLLS -  Chaos In Bloom
BETH HART - A Tribute To Led Zeppelin
SUEDE – Autofiction
THE CULT - Under The Midnight Sun
TOM PETTY & THE HEARTBREAKERS - Live At Fillmore, 1997
ERIC GALES - The Crown
VOIVOD – Synchro Anarchy
OCEANS OF SLUMBERS -  Starlight And Ash
Le ultime parole famose: la solita spropositata caterva di uscite. Troppe, clamorosamente troppe. I ruoli si stanno ribaltando: c'è più gente che suona che gente che ascolta. Inevitabile l'abbassamento medio qualitativo, e come aggravante il serio rischio di perdere nel marasma che si è generato band che meriterebbero più attenzione e spazio. Un altro anno che non ha prodotto uscite rilevanti. Vecchi dinosauri che si riciclano all'infinito, che continuiamo ad amare a dismusura, ma che non hanno più niente da dire se non farci sapere che sono ancora vivi. Le eccezioni sono nella lista cui sopra, alcune apparse come un fulmine improvviso, vedi i Goo Goo Dolls che con 10 canzoncine belle e snelle, melodiche, orecchiabili e ruffiane ed arrangiante meglio spazzano via un anno intero di prodotti con il marchio "melodic rock" fatti con lo stampino. Lode speciale ai 5 CD di 'Live At Fillmore..." di Tom Petty (che ci ha lasciato troppo presto) grazie al quale ripercorriamo intere decadi di storia del rock a stelle e strisce e non solo, a Bettina Hart con la sua indomabile verve artistica e la sua voce che ti scava dentro l'anima, ai Suede che disco dopo disco ci lasciano sempre più a cuore aperto e portafoglio vuoto, ai The Cult ed il loro misticismo psichedelico. Infine, sapere che nel 2023 usciranno i dischi di The Cure e Depeche Mode sai già che nella tua top ten del prossimo anno dovrai sceglierne solo altri otto...

IGOR FANELLI
ANIMA MORTE - Serpents In The Fields Of Sleep
MESSA - Close
PORT NOIR - Cuts
LONG DISTANCE CALLING - Eraser
OTTONE PESANTE - And The Black Bells Rang
DUNCAN PATTERSON - Grace Road
JYRKI 69 - American Vampire
COLDWORLD - Isolation
CULT OF LUNA - The Long Road North
DEVIN TOWNSEND - Lightwork

Le ultime parole famose: Anno di ritorno alla normalità dopo il lockdown e di ritorno a vivere la musica dal vivo. Musicalmente molto vario, ho apprezzato diversi generi musicali tra i quali l'horror metal degli Anima Morte che miscelano sapientemente Goblin, Micalizzi, Morricone con il metal; il doom dei Messa, l'alternative Rock dei Port Noir, la certezza della qualità dei Long Distance Calling ed i tromboni metal degli Ottone Pesante che ho avuto il piacere di vedere dal vivo: strepitosi, tanto quanto i concerti degli Hipocrisy, Soft Moon, Opeth, ed il bel carrozzone del Morbid Fest con I Am Morbid, Belphegor, Bathuska, Diabolical ed Hate.Libro dell’Anno: Come Lupi Tra Le Pecore, analisi storica e musicale del black metal nazionalsocialista con tonnellate di aneddoti ed una scrittura accattivante, brillante ed ironica. Altro gran bel libro letteralmente mangiato: Marilyn Manson di Giovanni Rossi.


STEFANO GIACOMETTI
EDGE OF FOREVER - Seminole
YOUNG GUN SILVER FOX - Ticket To Shangri-La
SUMERLANDS - Dreamkiller
QUEENSRYCHE - Digital Noise Alliance
SKID ROW - The Gang's All Here
MICHAEL ROMEO - War Of The Worlds Pt.2
MAJESTY OF REVIVAL - Pinnacle
JOURNEY - Freedom
PAGE 99 - For Immagination's Sake
JOE LYNN TURNER - Belly Of The Beast

Le ultime parole famose: Nonostante qualche nome blasonato, vedasi Blind Guardian, Scorpions e Megadeth, non abbia saputo ripetersi su decenti livelli, e mettiamoci pure il nuovo singolo dei Metallica che non fa presagire nulla di buono (ma speriamo in una pronta smentita), il 2022 ci ha riservato tante ottime uscite e qualche gradita sorpresa. L'hard & heavy, ed il rock in generale, si sta mantenendo in un buon stato di forma e salute, grazie soprattutto al ritorno alle sonorità degli anni 80, tante care ai più anzianotti...


STEFANO "THIESS" SANTAMARIA

VORBID – A Swan by the Edge of Mandala
GUNASH – All You Can Hit
YAWN - Materialism
AENAON - Mnemosyne
DAY OF DEPARTURE – Day Of Departure
RAVENWIECK - Barren Grounds
HETEROCHROME - From The Ashes
ELLENDE - Ellenbogengesellschaft   
THEIGNS & THRALLS – Theigns & Thralls
BRUTTA - Brutta

Le ultime parole famose: Anche il 2022 è passato, una luce in fondo al tunnel dopo il covid che pare però sempre minaccioso all’orizzonte ed una guerra che ci spaventa. Questo malessere si è tradotto in un certo intimismo, a livello musicale. Un saluto a tutti i lettori di Hardsounds e ai miei colleghi un complimento per l’impegno e la dedizione mostrati al nostro portale musicale. Auspico, con le nostre opinioni, di aver fatto scoprire qualche interessante realtà a chi ci legge. 

ALESSANDRO MENCARINI
HAMMERFALL - SHammer Of Dawn
OUT OF THIS WORLDS - Out Of This World
CHEZ KANE - Powerzone
DYNAZTY - Final Advent
RECKLESS LOVE - Turborider
NORDIC UNION - Animalistic
CRASHDIET - Automaton
GINEVRA - We Belong To The Stars
RIOT CITY - Electric Elite
H.E.A.T - Force Majeure
Le ultime parole famose: Niente di particolarmente esaltante per quanto riguarda il settore il settore hard & heavy classico con dignitosissime performance di mostri sacri quali il madman Ozzy e Megadeth. Nessuna grossa sorpresa da segnalare, si evidenzia l'ottima conferma dei Dynazy, il ritorno dei Reckless Love veramente convincenti nell'abbinare il loro glam rock con sonorità synth pop anni '80, l'eccellente performance degli H.E.A.T. con il ritorno di Leckremo e il progetto Out Of This World derivato dall'unione di due grandi artisti come Tommy Heart e Kee Marcello.

RAFFAELE PISANI
MESSA - Close
A.A. WILLIAMS - As The Moon Rests
ELDER - Innate Passage
LILI REFRAIN - Mana
BRUTUS - Unison Life
WUCAN - Heretic Tongues
VENUS PRINCIPLE - Stand In Your Light
OCEANS OF SLUMBER-  Starlight And Ash
OH HIROSHIMA - Myriad                                           
TENEBRA - Moongazer

Le ultime parole famose: Personalmente, per il sottoscritto è stato un anno molto frastagliato, con pochi alti e parecchi bassi. Ed anche sotto l'aspetto della fruizione musicale, nonostante mi sia comunque prodigato a seguire la scena dal vivo, ho comunque apprezzato alcuni album pubblicati quest'anno, sebbene in misura molto minore rispetto agli anni scorsi proprio per questo saliscendi anticipato prima. Tuttavia, c'è sempre stato un punto di riferimento costante, che si traduce nel disco posto in cima a questo elenco, creato in maniera indiscutibile dalla migliore metal band italiana. Un appunto veloce sui concerti seguiti quest'anno: assolutamente hanno primeggiato gli Earthless al Raindogs di Savona, seguiti dai God Is An Astronaut + Nothing al Magnolia, e dagli Elder + Pallbearer al Bloom.


EDUARDO IANNACCONE
RIOT CITY - Electric Elite
METALIAN – Beyond The Wall
THE HALO EFFECTS - Days Of The Lost
AMORPHIS - Halo
ALUNAH - Strange Machine
HARDCORE SUPERSTAR – Abrakadabra
AVATARIUM - Death Where Is Your Sting
MANTAR - Pain Is Forever and This Is The End
DAWNRIDER - The Fourth Dawn
UFOMAMMUT - Fenice
Le ultime parole famose: Anche quest'anno si è concluso e noi siamo qui a tirare le somme e fare, come di consueto, il nostro personale bilancio musicale. Un anno talmente ricco di uscite discografiche che oramai è cosa ardua riuscire a star dietro e prestare orecchio a tutto ciò che di buono ci propone la scena mondiale. Tra marchette discografiche, nuove pubblicazioni e graditi esordi, questa è la mia personale classifica che sugella questo 2022. In attesa delle interessanti uscite che si profilano per il prossimo anno, a tutti voi un augurio di buone feste.

ALEX GIULIANI
ANTIMATTER – A Profusion of Thought
VOIVOD – Synchro Anarchy
IN THE WOODS... – Diversum
RAMMSTEIN – Zeit
THE CULT – Under The Midnight Sun
PORCUPINE TREE – Closure/Continuation
KING BUFFALO - Regenerator
HELLACOPTERS - Eyes of Oblivion
CROBOT – Feel This
AMORPHIS – Halo

Le ultime parole famose: in quest'anno di ritorno alla normalità, siamo stati sommersi da nuove uscite e e tanti (forse troppi) concerti. Un flusso impressionante e costante di musica non sempre all'altezza, praticamente tanta quantità ma poca qualità. In mezzo a poche sorprese, ci sono band che non falliscono mai (Antimatter e Rammstein per esempio) ed altre che ritornano alla grande dopo lunghe attese (su tutti gli In The Woods...). Mi aspetto di meglio dal 2023.

ALESSANDRA TESTU'
TRUST - Propaganda
VOIVOD - Syncro Anarchy
LU SILVER - Luneliness
THE CULT - Under The Midnight Sun
PAT TRAVERS - The Art Of Time Travel
DREAMTIDE - Drama Dust Dream
FORTUNE - Level Ground
BANCO MUTUO SOCCORSO - Orlando: Le Forme Dell’Amore
EDGE OF FOREVER - Seminole
ANOUK - Trails Of Fails

Le ultime parole famose: Un anno ricco di nuovi album, di grandi ritorni, di grandi band, artisti, professionisti. Ma i miei voti in realtà, se li aggiudicano quei progetti musicali, che collimano con i miei gusti attuali, e che sono stati realizzati, da persone che non hanno mai smesso di suonare, e che magari non hanno neanche un seguito a livello internazionale, e quando compongono attingono al passato. Alcuni li seguo da sempre, alcuni li ho scoperti, o rivalutati quest’anno. Attingono alle radici della musica, dal soul al blues, o semplicemente a ciò che c’era prima, rielaborandone l’essenza. E ciò che mi piace ritrovare nella musica è proprio questo: andare a cercare le radici di ogni cosa, il ritrovarle nel presente conferisce stabilità, il rielaborarne il senso conferisce identità. Adoro fermarmi sulle cose ed essere sorpresa dalle cose. E questa meraviglia l’ho riscoperta nei Voivod: posseggono una genialità che pochi hanno (quel trucco musicale che ti spiazza nell’ascolto!). È come se, in senso buono, ti facessero un fallo, a gambe tese sulle gambe, ti fanno meravigliare e sobbalzare, per una inezia inaspettata. E spesso ho cercato la caratterizzazione, nella miscelazione armoniosa di generi diversi e distanti fra loro: piacevolmente rapita dalla combinazione hard rock & soul dei Trust, che utilizzano, proprio la loro lingua madre francese, come mezzo comunicativo più autentico ed espressivo, anche musicalmente. Per me il 2022 è l’anno delle seconde opportunità!
 
FRANCESCO LA TEGOLA
IMMOLATION – Act of God
AMORPHIS – Halo
THE CHASM – The Scars of a Lost Reflective Shadow
AUTOPSY – Morbidity Triumphant
BLOODBATH – Survival of the Sickest
DECAPITATED – Cancer Culture
GOATWHORE – Angels Hung from the Arches of Heaven
SIGH – Shiki
VOIVOD – Synchro Anarchy
RAMMSTEIN - Zeit
Le ultime parole famose: Highlights del 2022: qualche album figo, la maggior parte dei quali in questo poll
Downlights: il concerto dei Maiden a Bologna, peggior esperienza di sempre.
 
DAVIDE DEAMBROGI
CROWBAR - Zero And Below
RAMMSTEIN - Zeit
OZZY OSBOURNE - Patient Number 9
GHOST - Impera
ABBATH - Dread Reaver
THE LOOM OF TIME - Grand False Karass
DARKTHRONE - Astral Fortress
VERDENA - Volevo Magia
RED HOT CHILI PEPPERS - Unlimited Love
KARL SANDERS - Saurian Apocalypse

Le ultime parole famose: Sembra futile parlare di classifiche dopo una pandemia e il continuo imperversare di una guerra che non accenna a concludersi, questi accadimenti rendono, non incredibile (dato il susseguirsi nel tempo di eventi simili purtroppo), ma quantomeno destabilizzante, il momento storico che stiamo vivendo. In fondo, però, per ritornare alla "normalità" è fondamentale occuparsi delle passioni che ci scaldano il cuore, così da non sentirsi più fuori dal mondo e proseguire, se pur cambiati dentro, la vita di sempre. Giunti al termine di quest'anno, davvero volato, mi rendo conto di non essere riuscito ad ascoltare tutta la musica che volevo e di non aver dedicato il giusto numero di ascolti alle band e agli artisti che mi ero preposto e che meritavano più considerazione. Malgrado questa mia mancanza (soprattutto di tempo) ammetto che, almeno per quanto riguarda i miei gusti, le uscite sono state molto interessanti. Nell'attesa di nuovi progetti e nuove uscite succulente del prossimo anno possiamo gustarci quelle vecchie e vecchissime. Un grande augurio di un Buon Natale e Felice anno Nuovo a tutti.


EDOARDO SCARAMUZZINO
DARK MILLENNIUM - Acid River
ARS MAGNA UMBRAE - Throne Between Worlds
C-LEKKTOR - New World Disorder
HOCICO - Hyperviolent
HORNWOOD FELL - Sgr A
CANDLEMASS - Sweet Evil Sun
FREJA - Tides
BLIND GUARDIAN - The God Machine
CENTHRON - Fylgja
TAD MOROSE - March Of The Obsequious

Le ultime parole famose: Un anno un po' deludente in ambito metal, che lascia quindi più spazio ad altre realtà in classifica. A farla da padrone sono band dalla vasta esperienza, rispettivamente in prima, sesta, ottava e decima posizione (da segnalare in particolare i minori Dark Milennium) , con gli Stratovarius appena fuori dal lotto. Ben tre sono le bands minori, afferenti all'area black metal, a produrre lavori di qualità rimarchevole: gli eccezionali Ars Magna Umbrae (e il loro lavoro precedente era anche superiore) i non più sorprendenti nostrani Hornwood Fell e gli olandesi Freja. A completare la graduatoria tre lavori di primo piano in ambito dark elektro, i messicani C-Lekktor e Hocico più i tedeschi Centhron.


DANIELE MARTUCCI
FONTAINES DC – Skinty Fia
FEEDER – Torpedo
BUSH – The Art Of Survival
ARCTIC MONKEYS – The Car
PLACEBO – Never Let Me Go
WET LEG – Wet Leg
BLOC PARTY – Alpha Games
THE SMILE – A Light For Attracting Attention
SIMPLE MINDS – Direction Of The Art
THE MARS VOLTA – The Mars Volta

Le ultime parole famose: Un grande anno per l’alt rock in generale, con tanti artisti storici che hanno ritrovato uno stato di forma davvero invidiabile. Spiccano Placebo e Simple Minds su tutti, ma la vera grande notizia è la conferma di una band davvero notevole come i Fontaines DC. Gradito ritorno anche quello dei Mars Volta, in una versione più meditabonda e raffinata.


YURI PICASSO

TREAT – The Endgame
DARE – Road To Eden
VYPERA – Eat Your Heart Out
JOURNEY – Freedom
GENARATION RADIO – Generation Radio
KINGS OF MERCIA – ST
RECKLESS LOVE – Turborider
STREETLORE - Streetlore
HOUSE OF LORDS – Saints and Sinners
VAN STEPHENSON – Van’s Versions


Le ultime parole famose: Come voto al 2022 in merito ad uscite discografiche rimango tra il 6,5 e il 7 . Buone uscite, specialmente da parte di  alcune band “anzianotte”. Poche soprese tra i tanti monikers nuovi  che si sono affacciati ufficialmente al mondo discografico. In generale troppi dischi (mp3) in un epoca in cui produrre un lavoro costa quanto fare la spesa alla coop. C’è il forte rischio di perdere tempo e sforzi  su lavori scritti in una settimana e di tralasciarne altrettanti meritevoli di attenzione (vedi i Violet che non sono riuscito ad includere nella top ten). Da menzionare alla pari dei nomi sopracitati band blasonate come Skid Row ed H.E.A.T, i quali hanno riguadagnato punti, seppure in misura diversa, con l’ingresso di Gronvall nei primi e il ritorno di Leckremo negli Svedesi.


DANIELE AMATO
NOYZ NARCOS - Virus
GHOST - Impera
WATAIN - The Agony And Ecstasy Of Watain
KAVINSKY - Reborn
FIRST AID KIT - Palomino
RAMMSTEIN - Zeit
CARPENTER BRUT - Leather Terror
RECKLESS LOVE - Turborider
MACHINE HEAD - Of Kingdom And Crown
LORNA SHORE - Pain Remains

Le ultime parole famose: Il 2022 è stato un anno succoso, anche se forse le delusioni sono state più numerose del previsto (Marracash, Behemoth, Meshuggah, Shinedown, fra gli altri... tutti bei dischi, ma lontani dagli standard a cui ci hanno abituato questi artisti). Le sorprese non sono mancate, tipo Avril Lavigne che fa un album che suona come se non fosse passato un mese da Sk8ter Boi, o le solite garanzie Adriacosta (Nex Cassel e Fratelli Freschi). Avessi dovuto seguire il cuore, li avrei comunque tutti messi in questa lista, ma lo spazio è quello che è. Menzione d'onore per gli Halo Effect, che hanno ridefinito il 'compitino però fatto benissimo che la prof. ti da 8' e per i Machine Head, con un disco splendido ucciso da praticamente metà delle tracce già rilasciate nei mesi precedenti. One more thing (cit.): ascoltate tutti le First Aid Kit, duo country (!) svedese che ha imparato con maestria rara la lezione degli Abba, e che ho scoperto grazie a Erik Danielsson dei Watain (!) durante una sua chiacchierata con Robb Flynn.


SIMONE LAMBIASE
LORNA SHORE - Pain remains
QUEENSRYCHE - Digital noise alliance
MACHINE HEAD - Of kingdom and crown
MEGADETH - The sick, the dying...and the dead!
KREATOR - Hate uber alles
GHOST - Impera
LAMB OF GOD - Omens
OZZY OSBOURNE - Patient number 9
TREAT - The endgame
RECKLESS LOVE - Turborider

Le ultime parole famose: Poche chiacchiere, il 2022 per chi scrive è stato un anno semplicemente strepitoso, erano anni che non compravo così tanti dischi "in diretta". Fare la classifica è stato difficilissimo, costringendomi a lasciare fuori nomi di assoluto rilievo come H.e.a.t., Voivod, The Halo Effect, Evergrey, Vio-Lence, The Dead Daisies, Def Leppard, Crashdiet, Sakis Tolis, Oceans Of Slumber, Shape Of Despair, Avantasia, Besvarjelsen e tanti, tanti altri! Chi è che dice che al giorno d'oggi non esce più nulla di valido??!? Pedalare, su, da bravi. Anno eccellente!


COSIMO ARAMINI PARRI
AVANTASIA – A Paranormal Evening With The Moonflower Society
BLIND GUARDIAN – The God Machine
EVERGREY – A Heartless Portrait
EVIL INVADERS – Shattering Reflection
GINEVRA – We Belong To The Stars
GIRISH & THE CHRONICLES – Hail To The Heroes
KREATOR – Hate Uber Alles
MEGADETH – The Sick, The Dying…And The Dead
THE DEAD DAISIES – Radiance
THE HALO EFFECT – Days Of The Lost

Le ultime parole famose: Dicembre 2022 volge, oramai, al termine e così, come ogni anno, ci ritroviamo a ripercorrere ciò che è stato, a cullarci dei momenti soavi, a programmare il futuro prossimo, ad elencare l’immancabile lista di rammarichi e delusioni e, ovviamente, a fare la top ten dei dischi che ci sono piaciuti di più! Quest’anno è stato particolamente prospero di bei titoli, a tal punto che sceglierne solo dieci è stato alquanto arduo; penso che sia la prima volta, da un paio di lustri almeno, che non mi accade di comprare più album nuovi che vecchi classici mancanti dalla mia collezione. E tra le nuove uscite non sono mancate vecchie certezze così come nuove, fulgide, promesse, capaci di abbracciare un po’ tutti i generi, dall’AOR al Thrash. Per fortuna abbiamo potuto ricominciare anche ad assistere agli eventi live, che mancavano dalla mia vita da ormai oltre 2 anni, e la situazione generale intorno al mondo della musica sta pian piano tornando a quella che era prima della pandemia. Auguriamoci, allora, che il mondo della musica riparta con un nuovo slancio dato dalla consapevolezza che niente può spezzare il legame fra il pubblico e la musica heavy metal e che ciò che non ci uccide ci può solamente rendere più forti (e uniti).


GIANMASSIMO SARDIELLO
VOIVOD - Synchro-Anarchy
NAPALM DEATH - Resentment is Always Seismic        
THE FROZEN AUTUMN - Pale Awakening
BLACK SABBATH - Heaven And hell/The Mob Rules De Luxe Edition  
OBITUARY - Slowly We Rot-Live & Rotting - Cause Of Death-Live Infection
CELTIC FROST - Danse Macabre
INCANTATION - Tricennial of Blasphemy   
CANDY - Heaven Is here  
BORIS - Heavy Rocks
EATEN BY SHARKS - Eradication

Le ultime parole famose: Giunti a dicembre, come ogni anno, si fa un bel bilancio musicale delle cose ascoltate. Il 2022, a tirar le somme, non mi è sembrato un anno granchè ricco di novità sonore, nell’ambito della musica divergente. Semmai è stato l’anno delle celebrazioni varie, se si pensa alle pubblicazioni di cofanetti di Obituary, Celtic Frost, Incantation e Black Sabbath dell’era di Ronnie James Dio. Oltre ai sopra citati nomi, vorrei segnalare l’ennesimo signor disco dei Voivod, i Napalm Death, alle prese con un e.p. di mezz’ora e che presenta sperimentazioni omaggio al rumorismo di Swans e Godflesh, oltre che un ritorno al grindcore duro e puro di ‘From Enslavement To obliteration’, i Candy, dal nome-ossimoro, visto che propongono un grindcore marcio, debitore della scena inglese di fine anni ’80, misto a elementi di elettronica, noise e industrial. Davvero interessanti. Poi ancora sono degni di menzione i Boris, dal Giappone: hanno pubblicato un disco gradevole all’insegna   di un mix di sludge, stoner, heavy metal e psych hard rock anni ’70, con il cantante dalla voce che ricorda a momenti quella del grande Chris Cornell nelle tonalità più basse. Molto piacevole il disco de The Frozen Autumn: pubblicato in realtà nel 1995, si tratta di una ripubblicazione con bonus tracks di una band dal sano retrogusto eighties, darkwave a metà strada tra Echo & The Bunnymen e Depèche Mode.


ELIO FERRARA
CARAVELLUS - Inter Mundos
WILDERUN - Epigone
MICHAEL ROMEO - War Of The Worlds Pt.2
STRATOVARIUS - Survive
MOONLIGHT HAZE - Animus
VISION OF ATLANTIS - Pirates
BLACK SWAN - Generation Mind
DEATHLESS LEGACY - Mater Larvarum
MEGADETH - The Sick, The Dying...And The Dead!
BLIND GUARDIAN - The God Machine

Le ultime parole famose: Non possiamo dire che nel 2022 siano stati pubblicati tanti capolavori (tra questi ci sentiamo di poter annoverare quanto meno gli album dei Caravellus e dei Wilderun), però ci sono stati una serie di ritorni importanti, come Michael Romeo, Blind Guardian, Stratovarius, Amon Amarth, Arch Enemy, Oceans Of Slumber, Joe Satriani, persino Lana Lane e i White Spirit (dopo oltre quarant'anni!), ma soprattutto i Megadeth, un'uscita questa che già di per sè rappresenta un piccolo evento. In ambito metal melodico si sono messi in evidenza alcuni gruppi, soprattutto italiani (ma non solo), come Moonlight Haze, Fallen Sanctuary, Vision Of Atlantis e Deathless Legacy, mentre per il prog metal è degno di nota anche il debutto dei Philosophobia.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Savage republicsez

SAVAGE REPUBLIC
Wishlist - Roma

Serata all'insegna del post-punk al Wishlist di Roma il 12 gennaio scorso. Ad aprire la serata gli Echoes Of Silence, band romana attiva fin dal 1997 e nata per omaggiare i Joy Division. Infatti, nel loro repertorio iniziale gravitavano diverse cover degli albion...

Jan 28 2023

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web