You are here: /

EARTH: EXTRA-CAPSULAR EXTRACTION

data

25/01/2008
80


Genere: Doom
Etichetta: SUB POP
Anno: 1991

Solitamente quando si parla di Earth, si finisce col discutere di cronaca nera, e dei rapporti tra Dylan Carlson, mente e artefice del grande progetto Earth, e soggetti ben più famosi, ma su questi fatti, almeno in questa sede, non ci voglio tornare, perchè vorrei che si badasse solo alla musica e al ruolo fondamentale che la band ha avuto nel lancio nella sperimentazione sul versante Doom. La sperimentazione consiste nella elaborazione di un astrattismo estremo in musica, arrtraverso la sublimazione e la dilatazione ottusa del riff Sabbatthiano. Il suono è semplicemente da brivido. Spaventa per la sua mancanza totale di senso e di uno sviluppo apprezzabile sotto l'aspetto diacronico. La staticità e l'immobilismo sono celebrati con uno stile che dire ripetitivo è anche poco. Lo sgomento è rappresentato anche dal totale ingrezzimento del suono che, invece di badare al concreto e alla canzone, valorizza il fruscio, il rumore di fondo, iniziando quel processo di capovolgimento e stravolgimento formale per il quale ricordiamo la band, sempre più influente con il passare degli anni. La ritmica è ridotta all'osso, più che altro a rumori ambientali, che un sostegno allo sviluppo del singolo pezzo, che effettivamente è inesistente. La voce non è voce, ma una rarissima intrusione di urla sgraziate, scomposte e gelide che non segue nessuna regola. Un album ancora immaturo, che contiene solo in potenza la portata rivoluzionaria del drone che verrà, per ora c'è solo una musica tanto satura e solida da finire con l'essere un deserto di feedback che si disperdono in rare vibrazioni che si sbiadiscono nel nulla e nel riverbero infinito. Inizia in questo modo la grande provocazione-rivoluzione che porterà ad una critica, tutta contettuale e filosofica (più che musicale) della canzone Doom (e in generale della canzone "pesante"), innanzitutto stabilendo la fine della canzone vera e propria, e poi stabilendo la fine di un altro elemento fondamentale: il tempo. L'effetto dell'ascoltatore è tutto puntato sullo stordimento, in una dimensione ovattata, un vicolo cieco per le orecchie e per la mente.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Ghsez

GLENN HUGHES
Alcatraz - Milano

Un giorno potrò raccontare “io c’ero”. La sera del 22 maggio del 2024 è stato un evento memorabile. I fortunati presenti hanno potuto godere di una performance entusiasmante da parte dell’ex voce dei Deep Purple, senza tralasciar...

Jun 1 2024

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web