You are here: /

GRAVE DIGGER: THE CLANS WILL RISE AGAIN

data

04/10/2010
85


Genere: Power Metal
Etichetta: Napalm records
Distro: Audioglobe
Anno: 2010

Quando ho letto che i Grave Digger stavano lavorando a quello che sarebbe stato il seguito di 'Tunes Of War' sono letteralmente saltato sulla sedia! Questo perchè 'Tunes Of War', uscito nell'ormai lontano 1996, rappresenta il vertice assoluto della discografia della band tedesca, nonché uno dei capolavori della storia del power metal. E la mia memoria è saltata subito a quando lo stesso tentativo lo hanno fatto gli Helloween ed i Gamma Ray, per Keeper 3 e Land Of 2. Il risultato? Sostanzialmente lo stesso delle due bands citate in precedenza, perchè 'The Clans Will Rise Again' non è completamente all'altezza della fama dell'illustre predecessore, inarrivabile, ma comunque è davvero un bellissimo album. Cornamuse a profusione, energia, e testi interessanti trovano corpo in queste dodici canzoni (più intro), tra le quali si fanno apprezzare particolarmente la favolosa opener, ”Paid In Blood”, che gode di un impatto immediato e di un chorus davvero azzeccato, o la titletrack, un'epica quanto atipica blues song, o ancora le bellissime ”Hammer Of The Scots”, ”Rebel” e ”Valley Of Tears”, veloci e potenti le prime due, lenta ed evocativa la terza, ma comunque ad isolare tracce singole si fa un torto alla band perchè si stanno citando canzoni bellissime tra canzoni molto belle. Ottimo il songwriting, ottima la prova strumentale (un applauso al nuovo arrivato Axel Ritt, capace di non far rimpiangere Manni Schmidt), e bella cristallina la produzione per un album che non è Tunes Of War 2, ma è comunque un ottimo disco. Bravissimi!

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Shoresnull

SHORES OF NULL
Traffic - Roma

‌In tempi di covid ritrovarsi ad un concerto metal in un club pieno per i 4/5 della capienza è una straripante vittoria. Il merito è tutto delle due band romane che hanno condiviso il palco (chiedo venia agli Inno che non troveranno copertura in qu...

Dec 28 2021

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web