You are here: /

CHILDREN OF BODOM: IN YOUR FACE

data

19/08/2005
SV


Genere: Death Melodico
Etichetta: Spinefarm Records
Anno: 2005

Le recenti dichiarazioni di Alexi Laiho a proposito del nuovo album dei bambini finlandesi, reclamanti ‘influenze industrial’ avevano messo in allarme anche un Bodom fan acanito come me; dopo un ottimo disco quale “Hate Crew Deathroll” la direzione dei cinque finlandesi avrebbe potuto imboccare tantissime strade. Sebbene sia presto per parlare avendo a disposizione praticamente solo due brani, questa “In Your Face” e la già edita “Trashed, Lost & Strungout”, posso nutrire fin da ora delle aspettative decisamente più serene riguardo l’imminente “Are You Dead Yet?”. Il pezzo che dà il titolo a questo singolo è davvero strepitoso; un incipit cadenzato, vicino ai Rammstein o agli Static-X se vogliamo, supportato dalle onnipresenti tastiere di Janne spiana ben presto la strada ad un assalto thrash velocissimo, con Laiho a declamare bellicose intenzioni dietro il microfono (le urla di “Hatebreeder” sono definitivamente morte e sepolte) durante le strofe e a corredo di un refrain da manuale. Se questo è l’antipasto, c’è da aspettarsi un lauto banchetto. Per quanto riguarda la tanto strombazzata (più dalle chiacchere dei fan che dalla band) cover di miss Britney Spears “Oops, I Dit It Again!”, c’è da dire che nonostante l’idea sia ottima, la realizzazione lascia piuttosto a desiderare. Tra sputi, pause, urla, e vaneggiamenti in finlandese il pezzo perde completamente la sua patinatura originale assomigliando più ad un’improvvisazione da sala prove, divertente ai primi ascolti ma che poteva essere sfruttata molto meglio.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Shoresnull

SHORES OF NULL
Traffic - Roma

‌In tempi di covid ritrovarsi ad un concerto metal in un club pieno per i 4/5 della capienza è una straripante vittoria. Il merito è tutto delle due band romane che hanno condiviso il palco (chiedo venia agli Inno che non troveranno copertura in qu...

Dec 28 2021

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web