You are here: /

STRAIGHT LINES: Run For Cover

Sunset boulevard sez

Spiagge bianche, le onde che lentamente accarezzano la battigia mentre il sole tramonta e s'immerge nel mare a vista d'occhio sconfinato. Qualcuno ancora passeggia lungo la riva. L'aria si è fatta tersa, il cielo striato di colori caldi ed avvolgenti. Alte palme proiettano le loro lunghe ombre sulle strade dorate del giorno che sta per finire. Tra un cocktail e l'altro ti vedi seduto al tavolo di un bar, mentre la radio trasmette melodie sognanti che da tempo non ascoltavi, e ritrovi te stesso, quello che sei stato e quello che sei adesso nelle note di...Sunset Boulevard, la nuova rubrica di Hardsounds interamente (o quasi) dedicata alle sonorità West Coast. Pronti a viaggiare?!?

Vancouver, 1981. Una quarta di copertina imbarazzante, divertente e contro pregiudizi, come la cover di ‘Walking And Dreaming’ degli americani Orleans (1976). Immagine che rappresenta un po’ l’atteggiamento musicale di questo secondo disco degli Straight Lines: uno sguardo sempre al passato, ma con occhi per il presente. Uno sguardo al pop rock, ma con una visione sempre più melodica. Siamo negli anni ’80! La formazione canadese in questa seconda produzione si riduce da cinque a quattro musicisti; gli addetti alle percussioni Burgess/Padden sono sostituiti dal batterista Geoff Eyre (Hometown Band, The Hans Staymer Band). Le composizioni continuano ad essere opera di Buckey (tastiere) e Sinclair (chitarra), e coinvolgono anche il compositore Doug Edwards (polistrumentista canadese e bassista dei Chilliwack). Finalmente un singolo in grado di scalare le prime 10 posizioni in classifica nella propria terra. Purtroppo non riesce a coinvolgere il pubblico internazionale: la CBS non ha più la pazienza iniziale e li abbandona, ne conseguirà lo scioglimento della band. Ma noi dedichiamoli un piacevole ascolto!

"Run For Cover’’ è la prima traccia: spiazzante rispetto al primo album! Cambio di rotta verso l’era Kiss di ‘Dynasty’ (1979), una sorta di ‘’Sure Know Something’’ melodica. Fantastica apertura, con stramazzi vocali calibrati e assoli di chitarra che fanno da seconda voce. Un po’ lontani rispetto alle atmosfere d’esordio, in un una continua ricerca di atmosfere sempre più arena rock. ‘’There Are No Secrets” potrebbe essere una “sporca” traccia dei Toto, un fluido e quasi perfetto mix di sinfonia, melodia e arpeggi, soltanto da limare appena. ‘’It’s Gotta Be Tonight’’ è Dakotiana, causa il sound elettrico della batteria; prestate attenzione al giro di basso, gli Straight Lines diventano sempre più pomp. Dolce e sofferta ‘’Letting Go’’ è il Top 10 Billboard canadese. La domanda sorge spontanea “Amare davvero significa lasciar andare? E’ la parte più difficile dell’amore?” Qui il piano ed i fiati sembrano capirne le parole. Ti rincorrono in un tracciato a passi vicini bianco/nero/bianco, i fiati allertano e la chitarra da’ l’ultimatum: “lasciarsi per crescere” (rispondono gli Straight Lines), forse più semplicemente come l’amore profondo tra un genitore ed il figlio adolescente (a me piace pensarla così). ‘’Illusions”, cantata da Sinclair non convince. ‘’Lighten Up’’ è contro il pregiudizio, dal riff iniziale alla Rainbow; belli gli acuti aguzzini e persiste un’atmosfera da Kiss! Questa è la loro strada: linee melodiche sempre più pure e pulite che attingono alla storia della musica. ‘’I’m Talking To You’’ ha un bel suono pieno riempitivo della chitarra. ‘’I’ve Got News For You’’ è un continuo rimando al bacio. A me il ritornello evoca la colonna sonora de ‘La Storia Infinita’ (1984), caratterizzata da campanelli elettronici, tappeti di suoni elettrici, qui realizzati con effetti alla chitarra.

‘’Easy To Run’’ è un’anticipazione di cosa succederà ai membri fondatori degli SL, che successivamente si vedranno ancora alleati a suonare insieme, sotto altre vesti, nei panni dei Body Electric, con ancora un percorso musicale differente, a tratti electric pop, new wave, per poi riconfluire in un AOR hi-teck con il terzo album ‘Walking Through Walls’ (1987): sound cristallino con Bob Rock. Termineranno la carriera da BE con un gioiellino di traccia “The Things You Didn’t Do” (cercatela). Che peccato! Se avessero puntato su una voce più grintosa, avrebbero avuto più spazio nella scena musicale AOR; in questi casi gli intrecci vocali sono sempre un’ottima strada alternativa; ma l’assenza di un leader che primeggi vocalmente, credo li abbia un po’ penalizzati. Anche questo secondo album è un prodotto AOR di rispetto. Ora setacciatelo voi all’ascolto.

P 1981 CBS Records Canada

Tracklist:
01. Run For Cover
02. There Are No Secrets
03. It’s Gotta Be Tonight
04. Letting Go
05. Illusions
06. Lighten Up
07.I’ve Heard It All Before
08. I’m Talking To You
09. I’ve Got News For You
10. Easy To Run
 
Line-Up:
Robert “Bob” Buckley – Piano, Keyboards, Saxophone
David Walter Sinclair – Guitar, Vocals
Peter Clarke – Bass, Vocals
Geoff Eyre – Drums, Vocals
Produced by Jeffrey Lesser

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Idles 2022sez

IDLES
Rock In Roma - Roma

A giudicare dal pubblico accorso - un mix ben assortito di nuove leve, vecchi rockers, darkettoni e di qualche ascella pezzata che non manca mai - che ha riempito quasi completamente il Red Stage del Rock in Roma, facendo sì che fossimo praticamente appiccicat...

Aug 2 2022

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web