You are here: /

ACID DRINKERS: Fishdick Zwei - The Dick is Rising Again

data

25/11/2010
62


Genere: Punk/Thrash Metal
Etichetta: Mystic Production
Distro: Audioglobe
Anno: 2010

Dannati polacchi! Quindici albums tra full-leight, live e raccolte in ventiquattro anni di (dis)onorata carriera, e ancora non sono satolli: eccovi il quindicesimo parto di questi folli thrasher, ideale seguito di 'Fishdick' della metà anni novanta. Rispetto alla scorsa volta mai come oggi i nostri mesciano il diavolo e l'acqua santa, Donna Summer e gli Iron Maiden, i Kiss con gli Slayer passando dai Metallica e dallo chanteur Joe Dassin. Una raccolta, meglio un'accozzaglia di cover ora interpretate, ora decostruite quando non addirittura dileggiate in un lavoro veloce e dall'anima punkettara e un tantino tamarra. Insomma si ride, ci si diverte, si rulleggia, ma si rimane anche spiazzati da tracce che poco, o nulla, c'entrano o giovano all'economia di una traversata tra rock, pop e metal come questo irriverente 'The Dick Is Rising Again'. Se l'accenno a "Losfer Words [Big 'Orra]" è forse quanto di più fedele, e quindi inutile, i nostri riescono a fare nell'omaggiare i nonnetti dell'heavy metal, "Et Si Tu N'existais Pas" è una debacle nel suo voler ugualmente essere fedele ad un originale così lontano dalle corde del quartetto. "Nothing Else Matters" è l'apice dello sberleffo ed è tutta da assaporare nel suo essere inizialmente rispettosa, per poi aprirsi a sonorità da sagra della porchetta, mentre "Blood Sugar Sex Magic" pare sia stata scritta proprio per gli Acid Drinkers, tanto i nostri la fanno "loro". I limiti dell'ennesima raccolta di omaggi dell'ennesima band (che, ricordiamo, aveva già "dato" a suo tempo) sono ravvisabili sopratutto nella scarsa uniformità che i nostri danno al platter nel suo complesso. Troppo varie le interpretazioni, troppe voci soliste (anche femminili!), ed una forte indecisione tra omaggiare e disintegrare rendono questa raccoltona più simile ad una compilation di bands punk-metal piuttosto che il sedicesimo lavoro dei polacchi. Il divertimento è assicurato, l'album corre veloce ed è sicuramente la scelta giusta per condire un rock n'roll-party con la dovuta quantità di pepe, ma in giro c'è di meglio, che si sappia. L'artwork è rozzo ed efficace al tempo stesso: insomma, perfetto nel riassumerci tutti i contenuti di un platter come questo.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Appunti01

HYPOCRISY – SEPTICFLESH
Orion - Ciampino (Roma)

Primo grande evento della stagione concertistica autunnale della capitale e quale migliore occasione per assistere al set di due band che, in maniera diversa, hanno fatto la storia del genere estremo. "Apertura delle danze" riservata ai finlandesi Horizon I...

Nov 22 2022

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web