You are here: /

LAMB OF GOD: AS THE PALACES BURN

data

25/01/2006
84


Genere: Thrashcore
Etichetta: Prosthetic Records
Anno: 2003

Già avviati sulla strada del successo nel metal moderno americano, i Lamb Of God (ancora per poco su Prosthetic Records) danno alle stampe “As The Palaces Burn” dopo il validissimo “New American Gospel” e gli esordi Burn The Priest. “As The Palaces Burn” definisce con esattezza quale sarà poi il percorso seguito dalla band, un thrashcore pesantemente influenzato da Slayer e Pantera, fatto di riff quadrati, un wall of sound di rara potenza imbastardito dalla peculiare ugola hardcore di Randy Blythe e da accelerazioni fulminee. Una band la cui musica non va ascoltata, ma fatta passare sopra il cadavere delle proprie orecchie; sarebbe sufficiente la doppietta di apertura “Ruin”/”As The Palaces Burn” a demolire con grazia il vostro apparato auditivo. I cinque statunitensi scoprono le carte fin da subito, conciliando una perizia strumentale chirurgica con la potenza degna di un carroarmato, il tutto affidato alle sapienti mani di produttore di Devin Townsend. Non ci sono molti brani sottotono nel corso del platter, e la media qualitativa è davvero alta. In un’apoteosi del genere, sono proprio i gioielli a spiccare; “Ruin”, “11th Hour”, “Take You Away”, "In Defense Of Our Good Name" e la conclusiva “Vigil”, tuttora il miglior brano mai scritto dai Lamb Of God (e che rischia di essere anche il miglior brano mai scritto da band statunitense negli ultimi dieci anni!), un commovente affresco di sludge-core che mette i brividi ogni volta che fuoriesce dalle casse. Fermo restando che l’acquisto di “As The Palaces Burn” andrebbe effettuato solo a causa di questa track, e considerando che il ‘contorno’ è di livello altrettanto eccelente, cosa continuo a blaterare?

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Evergrey2

EVERGREY
KB (Kulturbolaget) - Malmö (Svezia)

È pur vero che questa è l'ennesima visita degli Evergrey in città il 28 febbraio scorso (l'ultima risale a meno di un anno fa), ma non esistono scuse per perdersi una data di questo calibro. Si spera sempre che una band di qualità ...

Mar 30 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web