You are here: /

ANCIENT RITES: FATHERLAND

data

05/10/2003
87


Genere: Black Metal
Etichetta: Hammerheart
Anno: 1998

Il terzo lavoro targato Ancient Rites è, contemporaneamente, la prova della loro grandezza e la pietra dello scandalo. Clean vocals, un gusto melodico prima insospettabile, tastiere in abbondanza, feeling epico e pagano, persino momenti acustici e folk… C'era insomma tanta carne al fuoco per le solite polemiche da "blecster cativo e necroelitario" (cit.), polemiche che come sempre non sono sopravvissute alla grandezza di un disco come questo Fatherland, una vera e propria sorpresa che ancora oggi, cinque anni dopo, risulta fresco e appetitoso come appena uscito, grazie a una ricetta personalissima e a tutt'oggi unica. L'opener graziosamente sinfonica, "Avondland", apre le danze per quello che sarà il primo di una lunga serie di inni che gli Ancient Rites forgeranno in questo e nel prossimo disco: "Mother Europe", destinata a diventare un vero e proprio cavallo di battaglia, carica di un incredibile epos e di un feeling antico rinforzato da fantastiche citazioni folk, oltre che da un testo che tributa la giusta gloria all'invidiabile storia del nostro continente, omaggiando tutti i popoli europei in maniera quasi commovente. Da subito si nota come in "Fatherland" gli interessi storici del leader Gunther Theys si facciano sempre più strada tra le tematiche, fino a monopolizzare l'intero disco, inserendo, di riflesso, tutta una serie di melodie d'altri tempi a fianco di riff sempre battaglieri e aggressivi come non mai, con una poderosa batteria a supportare il tutto senza dimenticare i blastbeat di vecchia memoria. La ricetta proposta è quindi un death/black melodico e sinfonico, in cui fondamentale è il ruolo delle tastiere, dei riff e della poliedrica voce di Gunther, che passa con nonchalance da uno screaming perverso e incantatore a una feroce impostazione bellica, a esplosive clean vocals che possono rimandare persino al ben più quotato Ihsahn. Lo spettro del black metal emerge soprattutto nel guitarstyle aggressivo e incazzoso, che rimane comunque molto vario e thrashy nelle soluzioni compatte e accattivanti. Le tastiere smorzano il tutto dando il tocco "antico" che necessitava questa magnifica opera-tributo alla Storia. Giustamente, il feeling dominante è un'epicità molto particolare e "altalenante" che sa quando essere pomposa e quando nascondersi astutamente dietro un muro di suono devastante, o in cupi rallentamenti monumentali. Proseguendo l'ascolto, ci troviamo sempre a bocca aperta davanti a un'alternanza di mood incessante e che non fa mai economia di emozioni intensissime, dalla ferocia bellica di "Aris", all'accorato epos di "Dying in a Moment of Splendour", alla compassata ma cupissima "misantropia storica" di "Rise and Fall"… e soprattutto lo splendore dell'autentico simbolo degli Ancient Rites, quella "Fatherland" il cui testo celebra la bellezza delle native Fiandre con passionale amore, e la cui musica ci trascina in tempi perduti attraverso una fenomenale alternanza di fantasmatici e dolci rallentamenti ed epicissime sferzate d'acciaio. Dopo il tuffo eighties di "The Seducer" (vecchissimo brano dei 'Rites qui reinterpretato con Mika Luttinen degli Impaled Nazarene a duettare con Gunther), l'introspettiva e decadente "Cain", breve ballad sussurrata da un Gunther inquietante come non mai, chiude il sipario di un disco che è in tutto e per tutto sorprendente e coloratissimo come l'Europa che vuole omaggiare, grazie alla sorprendente varietà compositiva, e anche alla coraggiosa scelta tematica (affrontata con competenza che molti storicini dell'ultim'ora dovrebero solo invidiare), che credo dovrebbe smuovere l'animo di ogni metallaro sul sacro suolo europeo.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Savage republicsez

SAVAGE REPUBLIC
Wishlist - Roma

Serata all'insegna del post-punk al Wishlist di Roma il 12 gennaio scorso. Ad aprire la serata gli Echoes Of Silence, band romana attiva fin dal 1997 e nata per omaggiare i Joy Division. Infatti, nel loro repertorio iniziale gravitavano diverse cover degli albion...

Jan 28 2023

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web