You are here: /

TSUNAMI EDIZIONI: Niente specchi in Camerino - la storia dei Soundgarden

Valeria Sgarella
NIENTE SPECCHI IN CAMERINO
La storia dei Soundgarden

Soundgarden sono una band di Seattle, a partire dal nome. Nessun’altra città americana avrebbe potuto partorirli. Prendendo le mosse da questa inossidabile certezza, Niente specchi in camerino ne racconta la nascita, l’ascesa e la fine. Anzi, parliamone al plurale: le fini. Perché i Soundgarden sono finiti due volte: la prima, per volere del proprio leader Chris Cornell; la seconda, per mancanza di Chris Cornell.

Sin dalla loro prima incarnazione, nel 1984, i Soundgarden non hanno mai confuso il successo con l’abbandono dell’integrità artistica. Lo dimostra il loro percorso: nati discograficamente con la Sub Pop Records e maturati con la SST Records, non hanno ceduto alle lusinghe di una major finché non sono stati certi di avere l’ultima parola su ogni scelta artistica. Presi troppo sul serio dal pubblico e relegati a una sorta di sacralità, nell’arco dei primi tre album si sono presi gioco dei cliché del mondo metal, categoria in cui tutta la stampa, indistintamente, cercava di incasellarli. Invece questa è la band che ha acceso la miccia del grunge, lasciando poi agli altri tre big (Nirvana, Alice In Chains, Pearl Jam) l’onere e l’onore di farla esplodere. E gli album dei Soundgarden non sono solo feticci per amanti del manierismo; sono anche manifesti dell’America che li ha fatti nascere. 

Chris Cornell, Kim Thayil, Ben Shepherd e Matt Cameron, ma anche Hiro Yamamoto, Jason Everman e Scott Sundquist, sono individui complessi, spesso caustici, con opinioni forti sui fenomeni del loro tempo. Mai restii a rilasciare interviste, pensavano che parlare fosse l’unico modo per non farsi travisare. Non da ultimo, i Soundgarden sono una band di maschi guidati da una donna, Susan Silver, manager e, per diversi anni, anche moglie di Cornell. Soprattutto, è stata più di ogni cosa la protettrice del gruppo. E in queste pagine le viene dato lo spazio che merita, accanto alla musica e alle visioni di una band entrata a pieno titolo nella leggenda.

Per la realizzazione del libro l’Autrice ha realizzato varie interviste esclusive con Matt Cameron e Kim Thayil. Ma anche con Michael Beinhorn (produttore di Superunknown), Stuart Hallerman, (soundman e fondatore degli Avast! Recording Company di Seattle) e Howard Greenhalgh (regista del video di ‘Black Hole Sun’). La foto di copertina è di Charles Peterson, così come alcune delle foto all’interno del libro.

9788894859867

Commenti

Lascia un commento

live report

Mbsez

MR. BUNGLE
Circolo Magnolia - Segrate (MI)

La serata di lunedì 17 giugno, in quel di Milano, è segnata sicuramente dal ritorno in Italia di una band che ormai è particolarmente affezionata al Belpaese, vale a dire i Megadeth che hanno catalizzato l’attenzione di molti appassionati. ...

Jun 29 2024

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web