You are here: /

MALEVOLENT CREATION: ETERNAL

data

20/07/2009
76


Genere: Death
Etichetta: Pavement Music
Distro:
Anno: 1996

Scommetto che in quel periodo, si saranno sicuramente accorti che fatto 30 non potevano fare 31, visto che a distanza da un anno dal debutto, la band ha pubblicato un disco per ogni anno che seguiva. Il risultato, e il disco che sottolinea ancor di più la teoria da me espostavi, è 'Stillborn'. Un disco confusionario, non da buttar via, ma confusionario, questo si. E c’è anche un’altra cosa che sta a dimostrarvi il fatto che prendersi un periodo di pausa per fare un disco è il miglior toccasana per una band. Passano ben tre anni, e vede la luce 'Eternal', che ok, certo, non piacerà proprio a tutti, ma sicuramente torna a spaccare tutto, come i vecchi tempi (sono pur passati 5 anni già dal debutto!). Intanto, dopo che la Roadrunner li ha letteralmente scaricati, Phil Fasciana crea un’etichetta con cui poter curare con l’estrema calma (ci risiamo, vedete?) tutto ciò che vuole, tanto che quando nel ’94 crea assieme a Dave, John e altri gli Hateplow (grind/death), pensa bene di sistemare questo progetto sotto Pavement Records. Una mossa che tutti avrebbero fatto, d’altronde. Anche questo 'Eternal', così come i tre dischi in studio che seguiranno, verranno abbracciati dalla neonata etichetta del buon Phil. 'Eternal' sancisce l’entrata stabile fino a 'In Cold Blood', di Jason alla voce e al basso. La sua prestazione è positiva, né ottima né scarsa, è la prestazione che tutti si sarebbero aspettati da un deathster incallito come lui. D’altronde con dei macigni come quelli contenuti in questo album, penso che non poteva uscire materiale d’altra natura. Per non parlare della presenza di Dave Culross, che ridà una vitalità mai vista ai brani della band. Si viaggia tra incursioni totalmente dedite agli Slayer ibridate a voci filtrate, come in "To Kill", o l’apocalittica "Tasteful Agony" che chiude il disco nel migliore dei modi: blastbeats fino a morire, e chitarre ispiratissime, che toccano a volte, gli stessi frenetici ritmi dell’indimenticabile debutto. Ascoltare per credere. Un misto infernale dei primi due album, con una sezione ritmica leggermente meno incalzante e ispirata, ma questo significa veramente trovare il pelo nell’uovo.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Metalitalia festival 2018sez

METALITALIA.COM FESTIVAL
Live Club - Trezzo sull'Adda (MI)

Uno degli eventi metal più riusciti negli ultimi anni sul suolo italiano vede all’organizzazione principale dei colleghi di stampa musicale, quale è la storica webzine Metalitalia.com, che in ogni edizione disputata all’interno del Live Club...

Sep 24 2018

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web