You are here: /

SAIGON KICK: Voglia di ristampe

Saigon kick

Strana creatura quella dei Saigon Kick. Emerse nel momento giusto, dopo l’assuefazione smodata causata dal carrozzone delle hair metal band, quando i gusti del pubblico iniziarono a farsi più sofisticati, maturò l’urgenza di esplorare nuove sonorità. Agli inizi degli anni ’90 si avvertiva aria di cambiamento, oltre l’onda sonica proveniente da Seattle, che scaturì un fenomeno su vasta scala battezzato grunge, all’improvviso alcuni gruppi open mind iniziarono a contaminare il suono rock con altre sonorità, fondendo gli stili più disparati, che la stampa specializzata definì crossover: Living, Colour, Beastie Boys, Faith No More, R.H.C.P, Mindfunk 24-7 Spyz, Warrior Soul, Infectious Grooves, Primus, Fishbone, oltre a moltissimi altri affascinanti gruppi (fatevi un giro su Spotify). Pronti via, ‘Saigon Kick’ è realizzato a cavallo tra ‘Pornograffitti’ (Extreme) e ‘Slave To The Grind’ (Skid Row), sotto la guida competente di Michael Wagener, il mago dei suoni per buon parte della crème di Los Angeles: Dokken, Keel, Alice Cooper, Great White, Warrant, Stryper, White Lion, ecc. La ristampa (in audio remastered) contiene due tracce bonus prelevate dall’edizione giapponese di ‘Saigon Kick’ (1991), un album dalle sonorità atipiche per la fusione tra bordate metal, avvolte da cascate di armonie vocali (anche dal gusto orientale), come se i Cheap Trick si fondessero con i King’s X. Un forte contrasto musicale che dopo tanti anni dalla pubblicazione ha mantenuto quel taglio ‘moderno’ ed anomalo, tanto che ai tempi il personale dell’Atlantic (seppur esperto nelle sonorità rock) non ebbe le idee chiare su come gestire il quartetto di Miami, spedendoli in tour proprio con i Cheap Trick, per poi affiancarli ai Ratt ed, in fine, con i punk rocker Ramones. Se ‘What You Say’ è un vulcano di cori, ‘What Do You Do’ erutta scariche hardcore, ‘My Life’ richiama addirittura i Beatles mentre l’abrasiva ‘Acid Rain’ fa da contraltare alla psichedelia di ‘Colors’. L’esplosione a livello terracqueo del grunge mise i Saigon Kick in scia al movimento fino a raccoglierne i frutti con

‘The Lizard’ (1992), seppur licenziato per la piccola Third Stone, sussidiaria dell’Atlantic, arrivò il tanto agognato disco d’oro, trascinato dal singolo ‘Love Is On The Way’: un’intensa dolce ballad che non ha nulla da invidiare a ‘To Be With You’ oppure a ‘More Than Words’. L’album mantiene l’impostazione sonora del suo predecessore migliorandone gli arrangiamenti, più sofisticati e ricercati, sviluppati attraverso una track list lunghissima con ben 16 brani. La nuova edizione contiene come traccia bonus il rifacimento di ‘Dear Prudence’ dei Beatles, una ballata acustica con dei forti richiami psichedelici degli anni ’60, recuperata dall’edizione giapponese e riletta in chiave abbastanza fedele all’originale. Era il periodo in cui Pantera ed Alice In Chains imperversano dettando nuove regole che, inevitabilmente, furono assorbite anche da Jason Bieler, principale autore in casa Saigon e per l’occasione anche produttore. ‘Hostile Youth’, ‘Feel The Same Way’ e ‘Freedom’ suonano meravigliosamente anche oggi, potentissime e plasmate da spettacolari intrecci vocali tra Kramer e Bieler. Se ‘My Dog’ è una scheggia impazzita, ‘God Of 42nd Street’ è una power balld psichedelica che sprofonda nei sixties; un successo commerciale meritato per ‘The Lizard’, un album ricco di varianti musicali e tracce di rara intensità emotiva.

Water’ (1993) è frutto di una gestione travagliata, Matt Kramer (voce) e Tom Defile (baso) si tirano indietro lasciando le redini in mano a Jason Bieler, nel mentre il gruppo si trasforma in un trio con Bieler nel doppio ruolo di voce solista e chitarra, Varone confermato dietro i tamburi e con Chris McLemon (ex Cold Sweat, la band formata dall’ex Keel Mark Ferrari) che subentra nel ruolo di bassista. ‘Not Enough’ è la bonus track, dall’impronta industrial metal, pescata dall’edizione import ma l’orecchio casca sul rifacimento, riuscito, di ‘Space Oddity’ del duca bianco David Bowie. A contorno dell’impianto metal vi è un’ulteriore ricerca negli arrangiamenti, arrivando ad esplorare il territorio dei gospel nella mistica title track. Per la varietà dei temi e per l’eleganza di un songwriting di notevole spessore, se un album come ‘Water’ venisse pubblicato oggi si griderebbe al miracolo.

 

SAIGON KICK
01. New World
02. What You Say
03. What Do You Do
04. Suzy
05. Colors
06. Coming Home
07. Love Of God
08. Down By The Ocean
09. Acid Rain
10. My Life
11. Month Of Sundays
12. Ugly
13. Come Take Me Now
14. I.C.U.
15. Hey Hey Hey
16. Colours (acoustic)
 
THE LIZARD
01. Cruelty
02. Hostile Youth
03. Feel The Same Way
04. Freedom
05. God Of 42nd Street
06. My Dog
07. Peppermint Tribe
08. Love Is On The Way
09. The Lizard
10. All Alright
11. Sleep
12. All I Want
13. Body Bags
14. Miss Jones
15. World Goes Round
16. Chanel
 
WATER
01. One Step Closer
02. Space Oddity
03. Water
04. Torture
05. Fields Of Rape
06. I Love You
07. Sgt. Steve.
08. My Heart
09. On and On
10. The Way
11. Sentimental Girl
12. Close To You
13. When You Were Mine
14. Reprise
 
Discography
1991 Saigon Kick
1992 The Lizard
1993 Water
1995 Devil in the Details
1998 Greatest Mrs.: The Best Of Saigon Kick
1998 Moments From The Fringe
1999 Bastards
2000 Greatest Hits Live - Around The World 1991 – 1996
2018 TBA
 
Line-up:
Matt Kramer -  lead vocals
Jason Bieler - guitars, backing vocals, keyboards
Tom DeFile - bass
Phil Varone - drums

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Theocean

THE OCEAN
Santeria Social Club - Milano

Tornano in Italia una delle figure attualmente più importanti del post-metal internazionale, i berlinesi The Ocean, e lo fanno a distanza di dieci anni esatti dalla pubblicazione del loro esordio ‘Precambrian’, un album che ha dato...

Nov 16 2018

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web