You are here: /

THE FORESHADOWING: DAYS OF NOTHING

data

28/10/2007
84


Genere: Gothic/Doom
Etichetta: Candlelight
Anno: 2007

Inanzitutto mi sento di fare una premessa in una sola parola: complimenti! Sì, perché i The Foreshadowing hanno stupito con il loro primo full lenght, 'Days Of Nothing', e senza presentare prima un demo o un EP. Ma la qualità del loro lavoro è dovuta soprattutto al fatto che i sei componenti della band sono tutti membri ed ex membri di gruppi del calibro di Klimt 1918, Spiritual Front e Grimness, ragazzi che hanno già avuto modo di suonare insieme e tra i quali c’è già comunque un certo feeling, ad eccezione del cantante che invece proviene dagli How Like A Winter. I The Foreshadowing nascono nel 1997 da un’idea di Alessandro Pace (noto come Alex Vega con i Dope Stars Inc., ex Klimt 1918 e Spiritual Front), al quale si uniscono poi Andrea Chiodetti (chitarrista dei Grimness ed ex Spiritual Front) e Francesco Sosto (ex Spiritual Fronte sessionman dei Klimt 1918), e fino al 2006 rimane una band allo stato embrionale, almeno fino a quando si aggiungono Johan Padella (Grimness), Davide Pesola (Klimt 1918) e Marco Benevento (How Like A Winter). La macchina si mette dunque in moto e arriva così 'Days Of Nothing', un album doom/gothic di gran classe dove l’esperienza e il fatto di aver già suonato insieme, come detto in precedenza, hanno un peso non indifferente. Ascoltando le dieci tracce che lo compongono, si intuisce quali sono i gruppi a cui i nostri si sono ispirati – Novembre e Paradise Lost in primis – traendo un sound non proprio innovativo ma di grande effetto e che raggiunge il suo culmine in pezzi come l’opener "Cold Waste", "Death Is Our Freedom" dal titolo emblematico, la trascinante "Departure", l’ottima "Eschaton" e la titletrack "Days Of Nothing"- anche se tutte le canzoni sono buone. Il mondo dark e pessimista rappresentato dall’album è simboleggiato dalle coinvolgenti melodie ben composte dal tastierista Francesco e dagli arpeggi di chitarra, di un “sapore” gotico che raggiunge grande intensità grazie a Marco, interprete dalla voce affascinante e cupa ed elemento fondamentale della musica dei The Foreshadowing.comletano il lavoro i potenti riff di chitarra, che rappresentano la parte di “rabbia” o ,per meglio dire, la dimensione apocalittica del disco: d’altronde già il titolo 'Days Of Nothing' esprime la sensazione di vuoto e la condizione esistenziale dell’uomo. Un grande album, che tutti gli appassionati di gothic/dark/doom metal dovrebbero possedere nella loro collezione.

_ PER I FANS DI Paradise Lost - Novembre - My Dying Bride_

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Appunti01

HYPOCRISY – SEPTICFLESH
Orion - Ciampino (Roma)

Primo grande evento della stagione concertistica autunnale della capitale e quale migliore occasione per assistere al set di due band che, in maniera diversa, hanno fatto la storia del genere estremo. "Apertura delle danze" riservata ai finlandesi Horizon I...

Nov 22 2022

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web