You are here: /

PROPAGANDHI: POTEMKIN CITY LIMITS

data

03/05/2006
84


Genere: Hardcore
Etichetta: Fat Wreck Chords
Anno: 2005

A ben quattro anni di distanza dall’eccezionale “Today’s Empires, Tomorrow’s Ashes”, datato 2001, tornano sul mercato discografico i canadesi Propagandhi, giunti qui al loro quarto album. L’evoluzione stilistica e compositiva raggiunta con il precedente (capo)lavoro imponeva un lungo periodo di genesi per questo “Potemkin City Limits”, ed infatti così è stato; ma, d’altro canto, il risultato ha sicuramente premiato l’attesa. Stilisticamente il disco è infatti, se possibile, ancora più complesso ed elaborato del suo predecessore: gli stacchi improvvisi ed i controtempi si fanno ancora più repentini, gli assoli più complessi, gli arrangiamenti sono decisamente più progressive che punk ma mai eccessivamente elaborati, così da non rovinare l’ascolto con inutili tecnicismi. Del resto, se li paragonano ai Dead Kennedys un motivo ci sarà pure. Il genere comunque non è cambiato molto: si tratta sempre di un thrash-punk (o tecno-punk, che dir si voglia) di ottima fattura, suonato da Dio e cantato anche meglio. Certo, vi servirà qualche ascolto per poter apprezzare appieno tutte le sfumature del disco, ma alla fine la pazienza sarà sicuramente premiata. L’unico appunto che si può muovere ad un lavoro bello come questo è, forse, il fatto che non ci sia un brano particolare che svetti sopra gli altri. Il livello della composizione si mantiene altissimo per tutti i 41 minuti di durata dell’album, senza mai una caduta di tono, ma senza nemmeno particolari picchi compositivi. Forse i momenti migliori sono la violenta “Impending Halfhead”, o la opener “A Speculative Fiction”, o forse ancora la malinconica “Fixed Frequencies”, ma stabilire un capolavoro in mezzo a tanti bei pezzi è davvero un’impresa impossibile. “Potemkin City Limits” è superiore a “Today’s Empires, Tomorrow’s Ashes”? Probabilmente no, ma poco importa. L’importante è vedere che i Propagandhi sono una band solida e ricca di idee, che di certo non mancherà di darci altre grandi soddisfazioni in futuro.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Appunti01

EDITORS
Atlantico - Roma

Fino a metà carriera gli Editors ci avevano abituato ad essere definiti i figli minori dei Joy Division grazie alle sonorità mutuate dalla band di Ian Curtis, dalle quali, già dal 2009 dopo l'uscita di "In This Light and on This Evening&...

Feb 19 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web