You are here: /

MOONSPELL: MEMORIAL

data

13/04/2006
84


Genere: gothic
Etichetta: SPV
Anno: 2006

I Moonspell sono un signor gruppo. Chi vi scrive li annovera fra quei gruppi fondamentali degli anni '90, essenziali per chiunque si professi amante di sonorità oscure e profetiche. Proseguendo nel proprio cammino stilistico, iniziato nel lontano 1992, i Moonspell affilano le lame dopo un album eccellente ma non mordente come il precedente 'The Antidote' (2003) e rilasciano 'Memorial' che ha quel quid in più che sinceramente mancava al suo predecessore. Il nuovo album senza stravolgere e/o rinnegare nulla di quanto fatto in passato, propone un gruppo veramente aggressivo, come non lo si sentiva dai tempi dell'immortale 'Wolfheart' (1995), conscio dei propri mezzi e che non si perde in inutili e orpellose divagazioni elettro-atmosferiche ma che si dimostra roccioso e compatto. Certamente, a conti fatti una certa quota di atmosfere e melodie è stata sacrificata, ma il risultato complessivo, vi posso assicurare, é di tutto valore. Veloce, incazzato, oscuro e magneticamente morboso (anche se non ai livelli di 'Irreligious' o 'Sin/Pecado' per capirci), 'Memorial' è un album che tira dritto dall'inizio alla fine, trainato come sempre dall'ugola maledetta di Fernando Ribeiro che in questo caso utilizza il growl per il 90% della durata dell'album, relegando le clean vocals a sporadici momenti. Durante lo scorrimento delle canzoni ci si prospettando innanzi vari aspetti dei Moonspell che dovremmo aver imparato a conoscere in tutti questi anni: si va dall'aggressività più pura ed incontaminata di "Finisterra" e "Best Forgotten", alle notturne "Memento Mori" e "Sanguine" ai tre strumentali (di cui i primi due con chitarre acustiche) "Sons Of Earth", "Mare Nostrum" e "Proliferation". Anche a livello stilistico, tutta questa energia si fa sentire e difatti i testi abbracciano un tema più classico come può essere quello del Sangue inteso come morte, ma non in chiave satanica bensì come ultimo sentimento incanalatore di rabbia e violenza: non a caso se il colore predominante sul precedente album era il nero, qui troviamo un'infinità di rosso. A questo punto, penso possa essere lecita fare un malizioso confronto fra 'The Antidote' e 'Memorial': sicuramente il primo è stato un buon album, notturno, melodico e trasognante, ma un po' deboluccio sul piano dell'aggressività, 'Memorial' rimedia a questa lacuna sacrificando una certa percentuale di tutte le altri componenti del sound; a conti fatti preferisco di gran lunga questa soluzione, inoltre anche 'Memorial' è un album molto curato sia internamente (la produzione è come al solito scrupolosa e professionale, ad opera di Waldemar Sorychta) sia esternamente (artwork di qualità insomma, da rifarsi gli occhi). Forse l'unica pecca che potrei segnalare è la presenza di tre pezzi strumentali su tredici (quattordici nell'edizione digipack), ma a parte questo dettaglio, 'Memorial' rimarrà stabilmente al suo posto nel mio stereo ancora per un bel po' di tempo.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Evergrey2

EVERGREY
KB (Kulturbolaget) - Malmö (Svezia)

È pur vero che questa è l'ennesima visita degli Evergrey in città il 28 febbraio scorso (l'ultima risale a meno di un anno fa), ma non esistono scuse per perdersi una data di questo calibro. Si spera sempre che una band di qualità ...

Mar 30 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web