You are here: /

DAN HICKS AND THE HOT LICKS: SELECTED SHORTS

data

21/02/2005
78


Genere: Genere non pervenuto
Etichetta: Surfdog
Anno: 2004

Onestamente, non avevo ascoltato mai una nota di Dan Hicks prima che "Selected Shorts" finisse nella nella mia cassetta della posta prima, nel lettore poi. E ammetto quasi di pentirmi per non avere mai avuto modo di farlo in precedenza. Perchè? Perchè Dan è un personaggio incredibile oltre che un artista altrettanto incredibile, e perchè definire il genere che propone è davvero una impresa impossibile. Vi potrebbe bastare l'etichetta jazz-folk-country-boogie-swing-blues rigorosamente vintage e spudoratamente calato in altre epoche come gli anni '50 dello scorso secolo quando le sigle per spot pubblicitari erano eseguite da robuste ma graziose bambolone le quali in coro osannavano i prodotti oggetto degli spot? Beh si, sono anche i cori delle song di questo disco. Ma se a tutto questo ci aggiungiamo un violino che imperversa lungo tutto il disco, e un senso dell'umorismo tanto sottile quanto palpabile che ti lascia ghignare dall'inizio alla fine di ogni brano cambierebbe la mistura di generi che ho sopra indicato? Cosa si otterrebbe? E che dire della voce di Dan che sembra una parodia di Sinatra mentre tenta di imitare a sua volta Willie Nelson(presente nel disco in duetto con lo stesso Dan in "One More Cowboys")?
"Selected Shorts" è un lavoro indefinibile quanto spassoso, ma anche un CD arrangiato con maestria visto che i 52 minuti di durata hanno un equilibrio strutturale puntiglioso, cesellato da mani esperte che oltre a divertirsi danno saggio di professionalità e bravura.
E' come vivere costantemente indietro nel tempo, ed a volte ci si immagina di ritrovarsi anche nei primi vagiti dei cartoni disneyani quando schiere di mucche componevano un orchestra jazz intonando brani dal riverbero comico-demenziale(ascoltate "C'mon-A-My-Mouse" per esempio), oppure proiettati in pellicole di film muti, tra pantomime e "piccole canaglie"("First I Lost My Marbles").

Dan ha inciso il suo primo disco nel 1969, e ora che lo scopro mi accorgo di avere perso qualcosa d'importante durante tutti questi anni. Ma grazie alla Surfdog, che sta concentrado tutti i propri sforzi per artisti di confine(recente anche l'entrata in scuderia dei redivivi Stray Cats), ho l'opportunità di redenzione mentre recito il mea culpa.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Aristosez

THE ARISTOCRATS
CrossRoads Live Club - Roma

Se il vostro sogno è vedere un concerto senza ritrovarvi circondati di gente che canta a squarciagola o continuamente con il cellulare in mano a far foto e video con il flash, allora un concerto degli The Aristocrats è il vostro show ideale. Difatti, ...

Mar 21 2020