You are here: /

MOB RULES: AMONG THE GODS

data

13/05/2004
65


Genere: Power Metal
Etichetta: Steamhammer-SPV
Anno: 2004

I Mob Rules confermano con quest’uscita lo standard cui ci hanno abituato con I precedenti tre album: un Power altamente tecnico e molto melodico, godibile dagli appassionati del settore come dai profani, con variazioni stilistiche che potrebbero rimandare ai Grave Digger come ai Gamma Ray. Fedeli al proprio “progetto”, mantengono ancora quello che è stato da dieci anni, dalla fondazione del gruppo nel ’94, la loro benedizione e maledizione assieme: ed è il tecnicismo della band questo Achille, completo nel duplice aspetto contraddittorio dell’invulnerabilità del corpo e della mortale debolezza del tallone. Il maggior pregio e difetto della formazione teutonica, infatti, è che il gruppo è nato da provini volti a trovare i migliori musicisti allora disponibili sulla piazza tedesca, e questa scelta ha portato alla creazione di quattro album di ottima qualità, ma di basso spessore emotivo. “Among The Gods” è appunto l’ultimo di quattro album ben distinti, ciascuno diverso per linee melodiche ed ispirazioni stilistiche, ma anche fondamentalmente uguali per evocatività e capacità di coinvolgere l’ascoltatore. Certamente non s' intende dire con ciò che siano album-fotocopia, tutt’altro; semplicemente, sembra sempre che a Dirks e soci interessi suonare e comporre in maniera impeccabile, più che godere dell’approvazione di un pubblico coinvolto: come dire “meglio un applauso educato che un tifo da stadio”. Detto ciò, passiamo a dare un’occhiata alla tracklist. “Black Rain” ed “Hydrophobia” mostrano subito il lato più corale, la prima, ed il più speed, la seconda, della produzione del sestetto; nulla di che invece per quanto riguarda “Invitation Time”. Ci si riprende con l’ottima “Miracle Dancer”, in cui si mescolano atmosfere andine, ritmiche che vanno dal valzer al tribale, ed un chorus che spezza solennemente un bridge allegro e festoso: il risultato è forse il più bel pezzo dell’album, ed anche il più evocativo. Tocca poi alla title-track, un pezzo né carne né pesce, un po’ Mob Rules ed un po’ Helloween: unica segnalazione, la presenza nei cori di tale Ian Parry (Consortium Project) ed alla chitarra di un certo Roland Grapow (Masterplan). “New World Symphony”, brano di cui il gruppo pare essere entusiasta, è in realtà lo scivolone, una semplice versione sinfonica, bella ma priva di motivo, di quella scatenata “Rain Song” che da sola metteva in ombra tutto il resto del primo album. Si passa poi a “Ship Of Fools”, ibrido tra lo stile del gruppo e quello di Axel Rudi Pell (due generi ibridi che si ibridano a vicenda…), e la seguente “Seven Seas”, corale e maestosa, sembrerebbe poter chiudere i giochi. Ma così non è, ed i sei rilanciano con “Meet You In Heaven”, sorta di allegro Hard Rock, quasi una serenata felice e giocosa, per poi chiudere sul serio con “Arabia”. Come ipotizzabile fin dal titolo, qui a farla da padrone sono atmosfere orientaleggianti, per un pezzo imponente che risolleva di parecchio le sorti dell’album, soprattutto tra bridge e chorus che finalmente mostrano un’impressionante evocatività. L’impressione è quasi quella, dolce e struggente, di vedere un miraggio, persi nel deserto. Da sottolineare infine il formato di uscita. Saranno infatti disponibili due formati: uno “normale”, ed un’edizione limitata con un bonus cd su cui saranno presenti un video, una traccia inedita, una estratta dai demo-archives della band, ed una cover dei Savatage, ed inoltre un’intervista col gruppo.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Itwsez

IN THE WOODS
Traffic - Roma

A distanza di 23 anni dalla fatidica data del frontiera con i Katatonia di 'Brave Murder Day' come gruppo spalla, tornano a Roma gli In The Woods con il batterista come unico membro rimasto della formazione originale. Chiediamo venia ad Agatunet e Veil Of Cos...

Aug 13 2019

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web