You are here: /

KIJU: DEMO(N)CRACY

data

11/11/2005
80


Genere: Thrashcore
Etichetta: TwoFatMen
Anno: 2005

Avevo sentito parlare spesso dei Kiju, band italiana che calca le scene underground da anni. Ne avevo spesso sentito parlare, ma ahimè mai ero riuscito ad ascoltare qualcosa di loro, tanto che ricevuta la copia promozionale non avevo la minima idea di come potessero suonare i cinque ragazzi meridionali. Acceso l’impianto sono stato travolto da una specie di carro armato sonoro (“Tag Your Bones”, appunto, etichettavi le ossa perché i Kiju hanno la seria intenzione di mischiarvele per bene e lasciarle sparse sul pavimento di casa vostra), un calderone dalla potenza inaudita che mischia hardcore, quello più pesante, di razza, e thrash metal, il tutto contestualizzato sotto un’ottica moderna, che sa rileggere con abilità anche gli stilemi più pesanti del nu metal. Vitto e compagni dimostrano di essere allievi diligenti e di aver appreso appieno la lezione di gente tipo i Machine Head di “Burn My Eyes”; il loro è infatti un suono grasso e pesante, incalzato da un drum work di tutto rispetto, nel quale fanno capolino armonici super letali ed efficaci deliri di chitarra, come Robert Flynn insegna. A fronte di ciò sarebbe lecito aspettarsi un disco totalmente incentrato sul macello duro e puro, e invece i nostri sanno anche stupire con brani pesantissimi ma dalle aperture melodiche di grande abilità (“I Don’t Tolerate Who’s Not Tolerant” o “Disappear”, in cui è possibile apprezzare la performance alle backing vocals del bassista Cafa) che hanno il merito di spezzare la tensione e farci prendere una boccata d’aria. Francamente, una band come i Kiju in Italia è merce rara, senza nulla togliere alle validissime realtà underground in circolazione nello stivale. Fatto sta che se “Demo(n)cracy” fosse uscito per, chessò, Roadrunner e partorito da un gruppo straniero, li staremmo già osannando come ‘i nuovi Machine Head’. Qualcuno si accorga di loro, please!

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Appunti01

EDITORS
Atlantico - Roma

Fino a metà carriera gli Editors ci avevano abituato ad essere definiti i figli minori dei Joy Division grazie alle sonorità mutuate dalla band di Ian Curtis, dalle quali, già dal 2009 dopo l'uscita di "In This Light and on This Evening&...

Feb 19 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web