You are here: /

ELVENKING: WYRD

data

17/07/2004
80


Genere: Folk Power Metal
Etichetta: AFM Records
Anno: 2004

Non era un impresa affatto facile quella di ripetere le gesta di un ottimo album come "Heatenreel", che ha catapultato i nostrani Elvenking nell'olimpo delle band più acclamate del proprio genere. Ed invece, nonostante il divorzio con il cantante Damnagoras per problemi di salute, la band veneta è tornata a proporre il suo power/folk metal, dopo ben tre anni di attesa, grazie al nuovo album "Wyrd". Un ritorno di grande spessore e qualità, un lavoro che mostra le grandi potenzialità di un combo ancora tutto nuovo con una lunga strada davanti a se. Dietro al microfono, al posto del tanto compianto Damnagoras, questa volta troviamo Kleid e la voce di questo singer è una scoperta tutta nuova: anche se con un impostazione di base più "power-oriented" riesce a sfornare linee melodiche ben strutturate ed elaborate. Peccando forse un po' nell'interpretazione, punto forte dell'ex singer, ma comunque risultando decisamente godibile ed intonato. "Wyrd" prende vita grazie ad una opener di sicuro effetto: "The Loser's Ball" è la giusta colonna sonora per trasportarci in un mondo senza tempo tra i meandri della nostra mente. Le danze prendono vita grazie alla potentissima "Pathfinders", pezzo dalle ritmiche tirate nel quale l'alternarsi della voce pulita di Kleid e il growl di Jarpen (un altro duetto del genere lo troveremo nella limited edition nell'altrettanto bella "Disappearing Sands") mente in risalto l'intero refrain. Grande pregio degli Elvenking e non risultare mai banali, proponendo un songwriting di un certo spessore e costruendo la struttura di ogni canzone sempre in modo differente. Fattore messo in risalto, oltre che nella stessa "Pathfinders", anche nella cantilenante "The Silk Dilemma" o nella camaleontica "Moonchariot". I nostri si mettono in risalto anche in pezzi come "Jigsaw Puzzle" o nella tiratissima "The Perpetual Knot". L'opera si conclude con la lunga "A Poem For The Firmament", canzone dalle infinite facce e dalle innumerevoli sfaccettature suddivisa in quattro parti ognuna di esse dedicata ad una diversa fase della giornata.E' proprio in questo pezzo che l'interpretazione di Kleid viene leggermente a mancare, ma a colmare questa passabile lacuna ci pensano i musicisti alle sue spalle: in grado di interpretare le canzoni in modo del tutto personale e riuscendo fondere tutti i loro diversi strumenti creando atmosfere così diverse tra di loro ed uniche nel loro genere. Ancora una volta gli Elvenking sono tornati a colpire, confermandosi re indiscussi del panorama folk italiano e ritagliandosi un ruolo di tutto rispetto nell'Europa intera. Se le affascinanti atmosfere di Heatenreel per voi hanno significato qualcosa allora dovete assolutamente far vostro il nuovo "Wyrd": un nuovo segno di maturazione e di crescita per una band che ha già dato tanto in soli due album e che ancora tanto darà in futuro se i nostri sei musicisti saranno bravi a riproporre queste atmosfere e queste emozioni.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Ben frost 630x400

BEN FROST
Auditorium Parco della Musica - Roma

Compositore di musica elettronica australiano trasferitosi in Islanda, è una delle nuove leve che ha già alle spalle diverse produzioni per serie Tv, film e cortometraggi; le sue creazioni sono caratterizzate da una ritmica sganciata dall’evoluzio...

Dec 14 2018

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web