You are here: /

DECAPITATED: CARNIVAL IS FOREVER

data

26/07/2011
65


Genere: Technical Death
Etichetta: Nuclear Blast
Distro:
Anno: 2011

Vitek riposa in pace. Covan è costretto a una lunga pausa a causa delle ferite. Per gli altri il lutto è passato e si sono tirati su le maniche. Ecco il risultato: 'Carnival Is Forever', uscito sotto l'egida della Nuclear Blast, e la cosa si avverte subito: produzione stellare a dir poco, approccio trendaiolo (o moderno che dir si voglia), copertina da album metalcore patinato in costante rotazione su MTV. Insomma, schiacciamo play e ci rendiamo conto che della band violenta e tecnicissima, capace di osare e reinventarsi con un disco assurdo come 'Horganic Hallucinosis', oggi è rimasto ben poco. Il nuovo batterista se la cava bene, ma non è Vitek, né tecnicamente, né stilisticamente; il nuovo vocalist risulta assai più adatto di Covan per le nuove sonorità dei polacchi. In questa sede i Decapitated sferzano bruscamente verso la modernità con i break meshugghiani dell'opener "The Knife", un brano pesante e groovy dal forte sapore Soulfly e Pantera che si avverte fin dai primi riff. Con la successiva "United" vengono in mente i Suicide Silence e tutta quella roba lì con i break e le menate *core. Livello tecnico ed esecutivo di prim'ordine, comunque. Superati momenti di pura noia come la prolissa title track e la groovegiante "Homo Sum", ci troviamo di fronte alle dissonanze a là Kisser di "404", un quasi omaggio ai fratellini Cavalera con riffoni potenti e tellurici, ma è verso la fine che i ragazzi si riprendono grazie ai break violenti e cazzuti di "Pest", uno dei brani più tosti e fighi di 'Carnival'. Conclusione affidata a "Silence", triste e blanda carezza acustica che si lascia dimenticare in fretta. Dubito che fossero molti ad aspettarsi un disco del genere, ma ne prendiamo atto: i ragazzi hanno deciso di puntare a un pubblico più vasto senza, per questo, sputare su sè stessi e la propria storia.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

16729532 10155212891844925 3954847479024016350 n

HARDSOUNDS FESTIVAL 2017
Traffic Live - Roma

Roma, 13 ottobre 2017. Per quest’anno si è voluto fare le cose in grande per l’organizzazione dell’Hardsounds Festival. Il supporto organizzativo dato da figure quali eRocks Production, MVO Concerti ed Hellfire Booking Agency ha fatto in modo...

Oct 19 2017

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web