You are here: /

CIRITH UNGOL: FROST AND FIRE

data

24/08/2003
75


Genere: Epic Metal
Etichetta: Liquid Flames
Anno: 1980

Dopo una serie di vicissitudini che portarono i defunti Galligan family a trasformarsi prima in Titanic e poi in Cirith Ungol, la band fondata nel lontano 1972 da Rob Garven, Jerry Fogle e Greg Lindstrom, giunge all'esordio discografico con un disco che riassume il suo passato heavy/psych e le recenti intuizioni che in breve porteranno alla nascita dell'intero movimento Epic Metal. "Frost and Fire" è un disco strano, che oggi come oggi, vuoi per la produzione, vuoi per le tematiche, vuoi per l'attitudine molto seventies, suona molto "vecchio" e inattuale, ma contiene al suo interno una manciata di semi che di lì a poco sarebbero germogliati tra le rocce dell'aspra e cruda musica dei nostri, che già qui assumeva connotati oscuri e in qualche caso vagamente epici. L'unica caratteristica che accomuna "Frost and Fire" alla restante discografia della band è probabilmente la fantasia e l'incontenibile eclettismo compositivo dei nostri: infatti, se la base di questo disco è prettamente un heavy rock psichedelico di matrice sabbathiana e debitore ai fasti di bands americane come Uriah Heep e Mountain, troviamo tutta una serie di soluzioni strane e sorprendenti che vanno dai synth e dai continui sbalzi di tensione di "Edge of a Knife" alla voce di Tim Baker ancora acerba e non certo peculiare e distintiva come nei futuri lavori della band, ma già riconoscibile per il suo sgraziato stridio accoppiato a una base musicale ancora sostanzialmente melodica. Discorso a parte poi meriterebbe la strumentale "Maybe that's Why" in pratica una ballad su cui cantano le grandi chitarre di Jerry e Greg, che si dimostrano capaci di intensi virtuosismi e grande musica. Senza dubbio i maggiori elementi di novità sono nei primi due pezzi, che possono senza troppe remore essere considerate le prime due grandi epic metal song della storia: "Frost and Fire", veloce sferzata di heavy metal priestiano con una cavalcata micidiale a guidare le strofe e un giro di chitarra decisamente d'altri tempi, oltre che un roboante chorus che farà scuola, e la cangiante "I'm Alive", un costante alternarsi di protodoom sabbathiano e esplosivi ritornelli inusitatamente solari e vitali. E' insomma chiaro che "Frost and Fire" è un disco embrionale, tipicamente giovanile, ma piacevolmente imprevedibile e oscuro, estremamente debitore al passato dei nostri, che compensa le sue evidenti carenze dal punto di vista della coesione e dell'efficacia con una genialità davvero fuori dal comune, che dopo soli quattro anni esploderà in tutta la sua magnificenza.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Dks

DIE KRUPPS
Babel - Malmö (Svezia)

Poteva essere una serata infausta quella del 6 dicembre per i Die Krupps a Malmö: il giorno dopo era in programma il festival annuale ElectriXmas, praticamente l´evento principale della regione per EBM, Dark Electro e Synth Pop. Ma a giudicare dall´a...

Jan 9 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web