You are here: /

SHY: Voglia di ristampe

Bts

Avevano un suono pazzesco, una gran bella immagine, e soprattutto un cantante straordinario come Tony Mills, capace di scalare vette attraverso tonalità pazzesche. Massimi esponenti dell’AOR sotto la Union Jack, c’è da chiedersi cosa avrebbero potuto raccogliere in termini commerciali al di là dell’Atlantico con in tasca il passaporto rilasciato negli USA. Le copie di ‘Brave The Storm’ ed ‘Excess All Areas’ arrivano ad un mese esatto dalla tragica scomparsa dello sfortunato vocalist, a causa di un maledetto male incurabile che ci ha portato via l’uomo ed un artista di notevole spessore. Ci rimane la musica, una grande eredità raccolta dalla Rock Candy con due magnifiche ristampe ricche di bonus, ma soprattutto con una qualità audio che conferma la label inglese leader nel settore dei remastered.

Rispetto al buonissimo debutto ‘Brave The Storm’ focalizza e migliora lo stile degli Shy, una band che fa uso di un’ampia gamma di suoni grazie al contributo di Paddy Makenna e della sua tastiera che ne rafforzano il timbro melodico del quintetto, che da buoni inglesi palesano una sezione ritmica corposa, puntellata dai link armonici di Steve Harris: chitarrista che avrebbe meritato più attenzione da parte dei media specializzati. L’esperto Tony Platt (Gary Moore, Krokus, Cheap Trick, AC/DC e Foreigner), recupera le dinamiche di ‘Equator’ (Uriah Heep) dettando la linea da perseguire anche per ‘Brave …’, almeno in termini di potenza di suono, tracciando un filo conduttore tra i due gruppi inglesi: dopo tutto basta farsi investire dal muro di note eretto con i tasti d’avorio per l’apertura di "Hold On To Your Love", per rivendicare il vestito sonoro degli Heep targati anni ’80. Ma tutta la track list ("My Apollo", "Keep The Fires Burning", "The Hunter" e la title track sono autentiche gemme), rispecchia la fierezza anglosassone degli Shy: ritmiche massicce rivestite da cascate di note melodiche. Come bonus abbiamo le versione live di "Two Hearts" e "Behind Closed Doors", il remix di "Give Me A Chance" e "Deep Water" recuperate dal predecessore ‘Once Bitten…Twice Shy’, oltre a "Strangers In Town" esclusa dalla track list finale di ‘Brave The Storm’.

P 1985-2019 Rock Candy Records

----------------------------------------------------------------------------------------

Per tentare la conquista del mercato americano viene ingaggiato il sound magician Neil Kernon, sua le griffe per Autograph, Kansas, Dokken e Queensryche, che si conferma un fine conoscitore della consolle in studio. Con lui al timone ‘Excess All Areas’ alza l’asticella ed anche le aspettative negli Shy, ma in particolare nella RCA che prova a puntare sul probabile cavallo vincente ingaggiando oltre al produttore anche firme esterne che possano contribuire alla scrittura: Don Dokken, Michael Bolton, Bob Kulick e Michael Jay, autore per star del pop mondiale del calibro di Gloria Estefan, Kylie Minogue ed Oliva Newton-John. Inoltre, la major impone til rifacimento di una cover, scelta ricaduta su ‘Devil Woman’ portata al successo da Cliff Richards nel 1976: tanto sforzo viene ripagato, quantomeno in termini artistici, grazie anche al contributo di Kernon che leviga gli spigoli agli Shy. Il soggiorno californiano da i suoi frutti: il buon esito delle collaborazioni esterne si rispecchia nella scrittura, perfetta per gli ariplay radiofonici del tempo, senza peraltro scalfire la potenza di suono del combo originario di Birmingham. Solo una band con il DNA inglese è in grado di rompere gli indugi ad alto voltaggio con ‘Emergency’: qui tutto è spinto al massimo ed è proprio in queste condizioni che Mills si rende spettacolare, regalando una prestazione vocale da grande campione. Anche per i due successivi brani ("Cant’t Fight The Nights" e "Young Hearts"), per buona pace dei cardiopatici, il piede resta pigiato sull’acceleratore: cori a profusione e tastiere incontenibili descrivono paesaggi melodici di rara intensità. Tra le bonus track spiccano le versione single di "Run For Cover", "Only You" e "Don’t Wanna Lose Your Love", altre tre tracce di ottima fattura, per concludere poi con il remix di "Break Down The Walls".

P 1987-2019 Rock Candy Records

Brave The Storm:
01. Hold On To Your Love
02. My Apollo
03. Reflections
04. Keep The Fires Burning
05. The Hunter
06. Brave The Storm
07. Wild Wild Woman
08. Caught In The Act
09. Was I Wrong?
10. Hold On To Your Love (extended remix)
11. Strangers In Town
12. Deep Water (once bitten mix)
13. Give Me A Chance (twice shy mix)
14. Two Hearts (live)
15. Behind Closed Doors (live)

Excess All Areas:
01. Emergency
02. Can't Fight The Nights
03. Young Heart
04. Just Love Me
05. Break Down The Walls
06. Under Fire
07. Devil Woman
08. Talk To Me
09. When The Love Is Over
10. Telephone
11. Run For Cover (single version)
12. Only You (single version)
13. Don’t Wanna Loose Your Love (single version)
14. Break Down The Walls (concrete mix)
 
Line-up:
Tony Mills: Vocals
Steve Harris: Guitar
Paddy Makenna: Keyboards
Roy Stephen Davis: Bass
Alan Kelly: Drums
 
Discography:
1983 - Once Bitten...Twice...
1985 - Brave The Storm
1987 - Excess All Areas
1989 - Misspent Youth
1994 - Welcome To The Madhouse
1999 - Let The Hammer Fall
2002 - Unfinished Business
2005 - Sunset And Vine
2011 – Shy

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Col

CULT OF LUNA + BRUTUS + A.A. WILLIAMS
Alcatraz - Milano

Sarebbe stato a dir poco entusiasmante poter assistere ad un live dei Cult of Luna assieme a Julie Christmas, i quali hanno costruito insieme quel gioiello che è stato l’album ‘Mariner’. Purtroppo, questa collaborazione si è tradotta i...

Dec 6 2019

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web