You are here: /

VIRGIN STEELE: NOBLE SAVAGE

data

02/04/2005
90


Genere: Epic Metal
Etichetta: Modern Records
Anno: 1986

Tra i metallers americani dediti alla gloriosa commistione di heavy metal e tematiche leggendarie meglio nota come Epic Metal, i Virgin Steele sono stati senza dubbio l'act più vicino a certo modo di concepire il metal caro agli europei, ricco di melodia e rimandi a un hard rock sempre presente, e nonostante ciò capace di creare immagini epiche a tutto campo grazie a sognanti intermezzi melodici e possenti ritmiche battagliere. E' proprio con "Noble Savage" che i Virgin Steele firmano la loro personale Dichiarazione d'Indipendenza, allontanandosi dalle influenze rainbowiane ben presenti nel precedente "Guardians of the Flame" e proiettandosi verso un radioso futuro in bilico tra filosofia, mitologia e metallo rovente. Qui l'artista David DeFeis, metallaro, aedo e guerriero, mette in musica tutta una serie di irripetibili sensazioni che costituiscono un ottimo antipasto di quello che sarebbero stati i Virgin Steele di lì a poco, ovvero l'anima più colta, riflessiva e battagliera di un heavy metal epico e pulsante che nel suo connubio con la musica classica trova la definitiva consacrazione. Di dischi come "Noble Savage" ne sono usciti davvero pochi: forse nessuno ha saputo più spaziare dall'heavy metal più chitarroso e belligerante all'hard rock più scanzonato, esplorando momenti intimisti regalati e lirismi classici degni di una vera e propria rock opera, come i Virgin Steele in questo monumentale lavoro. La musica è qui aiutata dalla perfetta esecuzione di un David DeFeis in evidente stato di grazia, capace di trasformarsi da sirena a centauro nel giro di pochi secondi, e di un esordiente Ed Pursino, il cui inarrivabile gusto melodico si rivela perfetto per l'affascinante concept strumentale del disco. Immaginate un epic metal molto melodico, à la Warlord, in perpetua metamorfosi, a tratti vicino alla parossistica emozionalità dei Manowar, a tratti criptico ed ancestrale, a tratti graziosamente classicheggiante in omaggio ai maestri Rainbow, ma sempre e comunque in grado di far partecipe l'ascoltatore di emozioni intensissime, romantiche e barbariche per citare "The Lion". Dall'immortale anthem che apre il disco, quella "We Rule The Night" che non può fare a meno di impressionarsi nella memoria fin dal primo ascolto, fino all'epica suite biblica "Angel Of Light", tutto il disco è un continuo sussulto tra i più disparati angoli del cuore. Non è semplice resistere ai sogni iniettatici in vena dalle lyrics cariche di speranza di un brano magico come "Thy Kingdom Come", e neanche non farsi travolgere dalla furia dell'inno alla Potenza chiamato "Fight Tooth And Nail". Impossibile resistere alla magia di un brano come "Don't Close Your Eyes", praticamente un invito a nozze per le lacrime più felici che possiate piangere, così come è pericolosissimo perdersi sulle alate note di "Noble Savage", magnifica composizione che alterna riff aspri a solari break, con un epico chorus che prelude a una chiusura in grado di sciogliere qualsiasi reticenza sentimentale, grazie alla prestazione inconcepibile di un DeFeis in assoluto stato di grazia. "Noble Savage" è un disco che fa del Bello (non quel mero estetismo strumentale tanto ricercato da bands che neanche nomino, ma quell'ideale di perfezione perseguito dalla filosofia, sin dagli antichi Greci) una vera e propria ragione di esistere, coniugandolo ad un piacere dell'intenso e del furioso tipicamente metallico e creando una sorta di antico mostro, un'anima di pura potenza imbrigliata nelle forme di una grazia perfetta ed immortale. In poche parole, un capolavoro.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Evergrey2

EVERGREY
KB (Kulturbolaget) - Malmö (Svezia)

È pur vero che questa è l'ennesima visita degli Evergrey in città il 28 febbraio scorso (l'ultima risale a meno di un anno fa), ma non esistono scuse per perdersi una data di questo calibro. Si spera sempre che una band di qualità ...

Mar 30 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web