You are here: /

TRASOS: LIVING MY DEATH

data

15/08/2011
40


Genere: Symphonic Death Metal
Etichetta: Unsigned
Distro:
Anno: 2011

Album primo per i veneti Trasos, band emergente che propone un sound inusuale e massiccio, dimostrando una certa temerarietà nell'intraprendere una strada poco battuta. Il punto, però, è che non si posseggono i mezzi per poter continuare questo cammino. E forse nemmeno per iniziarlo. Provate ad immaginare una band che cerca di suonare qualcosa di estremo, che vorrebbe essere un po' death, un po' black, con fraseggi melodici e via dicendo. Bene, adesso immaginate dei synth onnipresenti, ossessivi, invasivi, che di fatto schiacciano la composizione e vengono inseriti a sproposito, senza alcuna correlazione con ciò che gli altri strumenti stanno suonando. L'impatto con l'opener "Slavery" non è dei più semplici: le orecchie vengono letteralmente invase da queste tastiere prepotenti, equalizzate malissimo e che quasi coprono tutto il resto, dalla voce alla batteria. Insomma, nota di demerito a chi ha sistemato filtri, suoni e volumi. Si percepisce a malapena qualcosa che dovrebbe assomigliare al death melodico con qualche fraseggio sinfonico simile a qualcosa dei primi Emperor. Andiamo avanti, "Lies", lunga, un po' più tecnica nei riff che non sarebbero nemmeno tanto male, se non fosse per l'equalizzazione oscena, ma tanto ci pensano i synth ad inondare tutto. In "Suffering le tastiere ci danno più respiro, ma vanno comunque per la loro strada senza tener conto del resto, e dopo questo brano l'ascolto si fa sempre più arduo. Ci si continua a ripetere sostanzialmente, con menate sinfoniche e qualche riffetto thrash/death ("Nightmares", "Illusion"), fraseggi di tastiera da primo solfeggio ("Undead") e via dicendo. Insomma, qui bisogna davvero darsi da fare: registrare meglio perché la produzione è davvero scadente. E poi lavorare sulla composizione e l'armonia, perché qui siamo a livelli francamente inaccettabili.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Ministry sez

MINISTRY
Villa Ada - Roma

Il concerto dei Ministry è stato uno degli appuntamenti più attesi dell’estate alternativa romana (se la memoria non ci inganna la prima volta nella capitale per gli americani), in concomitanza con l’uscita del nuovo disco che li ha visti to...

Sep 18 2018

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web