You are here: /

RAGE: The Devil Strikes Again

data

22/06/2016
70


Genere: Heavy Metal, Power Metal
Etichetta: Nuclear Blast
Distro:
Anno: 2016

Trentatre anni di vita (considerando i primi tre sotto il monicker Avenger) e ventidue album in studio: possiamo senza dubbio considerare i Rage un'istituzione per l'heavy metal teutonico, anche se i riconoscimenti che la band guidata dal carismatico Peavy sono soltanto una manifestazione parziale delle potenzialità espresse, e questo potrebbe essere una conseguenza del comportamento dello stesso Peavy, personaggio dal carattere non facile tant'è che Victor Smolski, uno dei più talentuosi chitarristi in circolo, si è trovato costretto a chiudere l'esperienza con i Rage dopo ben venti anni di militanza, preceduto dal drummer Andrè Hilgers, rimpiazzati rispettivamente da Marcos Rodriguez e da Vassilios Maniatopoulos, in pratica da due perfetti sconosciuti. Fatta questa doverosa premessa, poniamoci questo dubbio: il diavolo Peavy riuscirà a colpire ancora una volta? La risposta è affermativa, ma ci permettiamo di porre qualche appunto. L'intenzione del leader apportando questa rivoluzione è quella di ritornare ad un passato più remoto, quello del quadriennio 1992-1995 dove vennero pubblicati autentici gioielli come 'The Missing Link', 'Trapped' e 'Black in Mind', perfetti esemplari di coesistenza tra rocciosità heavy/power (con un occhio rivolto al thrash) e una componente melodica assai accentuata, caratteristiche  che evidentemente riscontriamo nei Rage odierni dopo la lunga parentesi all'insegna di soluzioni musicali più ricercate in cui l'estro e il funambolismo di Smolski facevano veramente la differenza. Se la title track riprende il discorso iniziato con il brano "Sent By The Devil" (punta dell'iceberg del granitico 'Black in Mind') e si segnala positivamente per la perfetta interazione tra brutalità e melodia, le successive "My Way" (già anticipata come singolo apripista) e "Back On Track" pur lasciandosi ben ascoltare non convincono del tutto causa una struttura non certamente elaborata dove i chorus cascano nel tranello dell'easy listening. Con "Oceans Full Of Tears" i Rage si riappropriano di quella durezza del sound che li accompagna, tra ottimi momenti come "Spirits Of The Nights" con un riff strettamente legato al metal classico e cali di tensione come l'anonima "Deaf, Dumb And Blind", all'epilogo “The Dark Side Of The Sun”, dal taglio moderno e chirurgico con un'atmosfera leggermente più oscura. Non stiamo certo trattando di un disco da tramandare ai posteri, i Rage si sono sì riappropriati di quella immediatezza un po' troppo trascurata nei precedenti capitoli, ma ciò è avvenuto a sacrificio delle performance tecniche nel senso più stretto del termine e con un livello di ispirazione buono ma lontano parente di quello dei tempi migliori; i nuovi innesti eseguono egregiamente il loro compito mettendo in mostra un certo gusto senza voler troppo impressionare e che comunque devono completare il processo di integrazione con il boss Peavy. La sensazione finale è quella di un prodotto in prossimità dello standard medio dei Rage (quindi assai elevato) ma le intuizioni geniali che ci riempivano il cuore di gioia in opere come 'Soundchaser', o in quella più recente con la Lingua Mortis Orchestra (trattasi per chi scrive una delle migliori espressioni symphonic/power di questi ultimi anni) al momento possiamo solo sognarcele se, come in questo caso, non si va oltre il campo dell'ordinaria amministrazione.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

  • Frago

    Ok, allora devo ascoltarlo. Mi basterà saltare quell'orrore di My Way e tutto filerà liscio-

Lascia un commento

live report

Flyer

GOBLIN REBIRTH
Killjoy - Roma

Assistere ad un concerto il 23 luglio scorso durante il post covid è stato veramente un evento raro per gli amanti della musica. A ciò aggiungasi: locale all'aperto (Killjoy) con tanto di brezzolina rinfrescante, possibilità di cenare grazie ...

Aug 12 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web