You are here: /

ONSLAUGHT: SOUNDS OF VIOLENCE

data

18/04/2011
75


Genere: Thrash
Etichetta: AFM
Distro: Audioglobe
Anno: 2011

Una delle frasi che più spesso si sentono parlando di musica e gruppi è: "preferivo i primi dischi!", oppure "si, ma il sound di inizio carriera è inarrivabile!". E spesso queste frasi sono decisamente condivisibili, perchè questo la storia della musica ci ha dimostrato. Ci sono però alcuni generi, il thrash su tutti, che stravolgono totalmente questa regola non scritta; se si escludono infatti le Big 4 e poche altre bands, nel thrash il tempo, invece di disperdere le idee buone, matura i gruppi e migliora il sound. Esempi di questo? Kreator (e non raccontatemi più la cazzata che 'Endless Pain' e 'Pleasure To Kill' sono meglio di quelli da 'Violent Revolution' in poi), Sodom, Overkill, Exodus (l'ultimo è stupendo), ed una miriade di band minori tra le quali possiamo trovare anche i britannici Onslaught, forse la prima vera thrash band made in GB apparsa sulla scena. Formatisi ormai quasi trenta anni fa, nel 1983, ma inattivi per ben 17 anni, tra il 1989 ed il 2006, gli Onslaught arrivano oggi con 'Sounds Of Violence' alla vera maturità artistica, sfornando il miglior disco della loro carriera; un songwriting ineccepibile, davvero ispirato, sobrio e complesso (ma non troppo), ad accompagnare una dose di violenza tritaossa giusta, ben distribuita e mai fuoriluogo. Nove i brani, più intro ed outro, tutti più che positivi, ben suonati, con Nige Rockett sugli scudi, e che godono anche di una produzione davvero azzeccata con un unico neo, posto in chiusura di album, ossia una cover non proprio convincente e fin troppo stravolta di "Bomber" dei Motorhead, che nulla aggiunge al valore dell'album in sé. Onore agli Onslaught, quindi, che hanno realizzato l'album che vale la loro carriera!

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Giaa

GOD IS AN ASTRONAUT
Circolo Magnolia, Segrate (MI) - Parco di Villa Ada, Roma - Milano - Roma

Ormai sembra diventata una piacevole abitudine ritrovarsi, a luglio piuttosto inoltrato, tutti insieme a Milano (e più precisamente al Circolo Magnolia) a celebrare le gesta di una tra le post-rock band più significative di tutti i tempi, gli irlandesi ...

Jul 16 2019

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web