You are here: /

ODIN: FIGHT FOR YOUR LIFE

1738

data

24/10/2005
75


Genere: Class Metal
Etichetta: Perris Records
Anno: 2001

Ottimo metallo di classe per questo gruppo di americani nel quale milita anche il chitarrista degli Armored Saint Jeff Duncan, noto per aver sostituito con umiltà e determinazione il grandissimo David Pritchard deceduto prima dello storico “Symbol Of Salvation”. In realtà gli Odin sono riconducibili solo in parte alle sonorità dei ben più celebri guerrieri di Los Angeles. "Fight For Your Life" infatti è un album che ricorda sì il classico heavy metal americano, ma che non dimentica di fare riferimento costante anche all’hard rock degli anni ottanta. Potremmo appuno far rientrare il gruppo nella categoria del cosiddetto “class metal”; quindi aspettatevi suoni cromati e melodie di facile presa (tra l’altro anche molto belle), ma anche una discreta tecnica e brani potenti e relativamente articolati che lasciano trasparire l’influenza del miglior metallo americano. “12 O’Clock High” è un pezzo di apertura disinvolto e decisamente immediato, capace di trasportarci indietro nel tempo perlomeno di una ventina di anni… Meno intensa la successiva “Love Action”, nella quale le melodie un po’ ruffiane prendono il sopravvento a scapito dell’originalità. Anche a una canzone come “I Get What I Want” potremmo rivolgere la stessa critica. Nulla di tragico, per carità, ma a mio avviso sono pezzi come questi che abbassano leggermente la media qualitativa dell’album impedendogli di sfondare davvero. “She Was The One” è invece una valida ballata rock dalla melodia azzeccatissima, così come l’altrettanto convincente “Modern Day King”. Il perfetto equilibrio tra tutti gli strumenti (elemento distintivo del genere) e la notevole voce di Randy "O" Roberg sono già evidenti in queste prime tracce, ma la parte migliore dell’album è senz’altro quella conclusiva. È in base alle prossime canzoni che sarebbe opportuno valutare gli Odin ed è qui troviamo la splendida melodia di “Stranger Tonight”, i ritmi incalzanti di “Time and Time Again” e i pesanti riff heavy metal di “Push”. Peccato per quel piccolo neo che è “I’m Gonna Get You”, un po’ sottotono per stare in mezzo a bei pezzi come questi. Ottima anche la title track che chiude alla grande un album di tutto rispetto nonostante la relativa discontinuità.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Aerosmith2

AEROSMITH
Ippodromo del Visarno - Firenze

L’Aerovederci Tour sbarca così anche a Firenze il 23 giugno, capoluogo di altri importanti festival di quest’anno. Gli Aerosmith sono tornati nel nostro Paese per far divertire e far cantare il pubblico in una sera d’estate fiorentina in occa...

Aug 15 2017

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web