You are here: /

MOTÖRHEAD: MOTORIZER

data

24/09/2008
75


Genere: Hard'n'Heavy
Etichetta: SPV
Distro:
Anno: 2008

Bel disco questo 'Motorizer'. Davvero. Probabilmente, il disco più vario della storia dei Motorhead. Non mancano certo le speed-killer song come il buon Lemmy ci ha abituato, ma quello che colpisce maggiormente sono le ritmiche più cadenzate e più varie(era ora si sfruttassero a pieno tutte le qualità di Mikkey Dee) e le aperture melodiche che danno ai brani quel piglio accattivante in più. Un brano come "Heroes", per dire, viaggia tra la ballad drammatica ed epica ed un tempo simil marziale, mentre la conclusiva "The Thousand Names Of God" e "When The Eagle Screams" hanno un suono ipersaturo tanto che entrambi i brani siano stati scritti nei seventies. Non mancano, come ovvio che sia, i pugni in faccia e nello stomaco con la velocissima "Rock Out" e la possente Buried Alive, brani che vanno a completare una track list di tutto rispetto che non perde per strada manco il ghigno beffardo di Lemmy il quale, con "Teach You How To Sing The Bues" - già il titolo dice tutto - tratta da par suo cazzi mosci altezzosi dell'ultim'ora: Come down off your high horse, Who do you think you are, Just a clown in a one horse town, In a broke down second-hand car, Can you still get it up, Or are we pushing too hard, If you wanna get your hands on a beautiful girl, You gotta use a Mastercard. There's no excuse for bullshit So don't try to feed me none, You better shake some action, Bring it on, bring it on, You don't like the way we speak, You don't like it when you lose, Shouldn't be sad, don't get mad, Or we gonna teach you how to sing the blues... 'Motorizer' vale pienamente l'acquisto. Poco altro da aggiungere. Poi, tra l'altro, vale mica la pena perdersi anche una canzone come "English Rose" dove mr. Kilmister si svena per amore? Stupenda la copertina.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Appunti01

EDITORS
Atlantico - Roma

Fino a metà carriera gli Editors ci avevano abituato ad essere definiti i figli minori dei Joy Division grazie alle sonorità mutuate dalla band di Ian Curtis, dalle quali, già dal 2009 dopo l'uscita di "In This Light and on This Evening&...

Feb 19 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web