You are here: /

MINSK: With Echoes In The Movement Of Stone

data

07/06/2009
80


Genere: Post Metal
Etichetta: Relapse Records
Distro: Masterpiece
Anno: 2009

Brani furenti, ma più dinamici per il terzo lavoro della band americana. Un approccio più progressive e suoni ancora più dilatati donano al loro post metal di matrice neurosisiana un tocco personale e più strade a disposizione da percorrere. La regola opinabile che vuole il terzo disco come quello della consacrazione e della piena maturità artistica fa di "With Echoes In The Movement Of Stone", questa volta, un'opera importante che conferma tale assunto. I Minsk riescono nell'impresa di condensare la loro vena creativa in brani lunghi, ma diretti e privi di orpelli ornamentali. Ogni singolo passaggio trova il suo perchè nell'equilibrio compulsivo quanto riflessivo che la musica va tracciando. Mastodontica, distorta, disturbante pur quando i toni calano e l'atmosfera si quieta, senza mai scalfire il disagio ed il senso di fustrazione che si avvertono durante l'ascolto. Cantato pulito ed in buona parte urlato, a volte filtrato, si dividono lunghe le tracce in maniera funzionale contribuendo a gettare un alone misterico e tribale che la sezione ritmica incarna continuamente. Anche l'elettronica - in punta di piedi - ed i synth si rendono spesso protagonisti come nella spettrale e magnetica "Almitra's Premonition"a, ed in diversi altri punti di un album che potrebbe essere nato in una decade qualsiasi degli ulti 40 anni tanti sono gli spunti e le intuizioni che lo connaturano. Prendete "Means To An End", ad esempio, e ditemi se non sembra scritto nei settanta, come se cantato da Jim Morrisson e suonato dai Sabbath più "trippati" di sempre. A dimostrazione di quanto i Minsk siamo ormai una band completa a tutti gli effetti, in grado di risultare se stessi anche quando la derivazione è evidente. Gran disco, quindi, apparentemente cerebrale, ma che sotto il magma raffreddatosi della superficie riserva un caleidoscopio di emozioni ancora incadescente.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Meshuggah

MESHUGGAH
Orion Club - Ciampino (Roma)

Gli inventori del djent metal finalmente vengono a sversare la loro furia iconoclasta e corrosiva nella capitale - 19 giugno scorso. Il fine settimana che ha preceduto il live degli svedesi è stato uno dei più impegnativi economicamente e logisticamente...

Jul 6 2018

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web