You are here: /

MASTER EXPERIENCE: BILLIONS OF GRAINS

data

12/11/2012
70


Genere: Progressive Metal
Etichetta: Unsigned
Distro: Ma.Ra.Cash Record
Anno: 2012

Gruppo che vanta una solida esperienza in sede live, gli italiani Master Experience debuttano con questo 'Billions of Grains', sorta di concept album dai toni futuristici (ben descritti anche dall'artwork di copertina) con un sound influenzato pesantemente dagli statunitensi Fates Warning tanto che a volte la voce del cantante, Matteo Beneventi, sembra ricordare il miglior Ray Alder, cosa che forse non può che influire sull'originalità della proposta. Il disco in se è sicuramente prodotto in maniera egregia, suonato in maniera precisa e convincente, ma in qualche modo privo di momenti memorabili o trascinanti, sintomo di un'approccio esecutivo nel quale i cinque musicisti Emiliani tendono forse a specchiarsi un po' troppo. L'apertura del disco spetta a una delle due appendici di "October", in questo caso "October Part One: Another Day Has Gone" che non è altro che un'introduzione ricca di pulsazioni elettroniche e rumori di fondo che nel complesso ricreano una discreta atmosfera, mentre con "The Shout" il gruppo riprende apertamente le atmosfere strutturate, ma melodiche tipiche dei già citati Fates Warning, con complesse parti strumentali (rigorosamente dispari) e accellerazioni improvvise. Con la successiva "Mind Control" le atmosfere si rilassano e si dilatano sensibilmente, con le note di pianoforte che a tratti sembrano danzare sull'acqua, e con la chitarra che attraverso l'uso di poche note rende tutto più sfuggente e indefinito tranne che nell'aggressiva parte finale. Da adesso in poi le tracce mostrano sempre una discreta fusione tra momenti aggressivi ricchi di sfumature elettroniche, e riff davvero potenti come in "The Audience", a momenti apparentemente più pacati e distensivi (come in "Multitude Of Solitude"), senza però fare gridare al miracolo a causa di un'esecuzione strumentale a tratti leggermente fredda. "Mass Destruction" a grosse linee mostra sempre gli stessi difetti delle altre tracce, inglobando a se diverse atmosfere (si viaggia indifferentemente tra vorticosi riff di chitarra e parti strumentali più controllate), mentre con la seconda parte di "October" ("October part Two: I Return") la band non riesce a scrollarsi di dosso le pesanti influenze a cui il gruppo si ispira, riducendo il tutto ad un semplice "copia e incolla", chiudendo il disco in maniera non del tutto convincente.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Tangerine dream new line up

TANGERINE DREAM
Auditorium San Domenico - Foligno (PG)

Nell’ambito della rassegna 'Dancity' (come chiarisce il titolo stesso perlopiù votata alla musica dance), arrivata alla 12° edizione, il giorno 24 agosto abbiamo scoperto una cittadina di raggiante bellezza, vitale, piena di locali e di gente...

Oct 16 2018

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web