You are here: /

KRAGENS: SEEDS OF PAIN

data

27/10/2005
50


Genere: Modern Thrash
Etichetta: Locomotive Music
Anno: 2005

I francesi Kragens giungono al loro secondo album esattamente a un anno da “Dying In A Desert”. Il platter si presenta fin da subito con delle credenziali invidiabili: artwork a cura di JP Fournier e produzione targata Tue Madsen. Considerata anche la proposta estremamente particolare dei nostri, le carte in regola per fare di “Seeds Of Pain” un album coi fiocchi ci sono tutte; peccato che le stesse vengano ad una ad una eliminate dal gioco, rendendo a conti fatti la seconda fatica dei cinque francesi un disco su cui è facile passare sopra senza remore. I Kragens suonano come un curioso mix di Nevermore, dai quali ereditano il gusto per l’aggressività thrash moderna e la tecnica, e i nostrani Labyrinth, complice il timbro vocale di Renaud davvero simile a quello di Tiranti e delle melodie di stampo (quasi) power. A tale proposito, “The Last” è un brano che plagia ripetutamente la band di De Paoli e compagni. La pecca più evidente che affiora durante l’ascolto di “Seeds Of Pain” è l’incompiutezza; i brani soffrono una mancanza di logica propria quando un genere come questo è e deve essere basato moltissimo sulla costruzione e sugli arrangiamenti; non bastano certo l’elevata capacità tecnica della band o dei ritornelli di buona fattura (la title-track, la già citata “The Last”, “I Choose To Die” o la potente “Reconquista”) a salvare i Kragens dall’incipiente noia che minaccia ripetutamente l’ascoltatore. Le buone idee latitano, sommerse da una tecnica troppo spesso fine a sé stessa e da brani mal costruiti; per aggiustare il tiro credo sarà necessario ben più che uno smussamento del songwriting, allo stato attuale delle cose davvero scarso e da dimenticare, vista l’evidente abilità strumentale della band.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Lordofthelost 26gennaio2019

LORD OF THE LOST
Exenzia - Prato

A distanza di un anno dalla loro ultima visita in terra nostrana, i Lord Of The Lost scelgono Prato come unica data italiana per far ripartire il tour di Thornstar, ultima fatica in studio della band di Amburgo uscito lo scorso agosto. Ad aprire le danze, i J...

Feb 13 2019