You are here: /

JORN: Life On Death Road

data

18/06/2017
78


Genere: Hard 'N' Heavy
Etichetta: Frontiers Records
Distro:
Anno: 2017

Erano i bei tempi di scuola, quando, inevitabilmente, il professore piú severo (che peró ci ha spinti a dare il meglio) sentenziava "Con le qualitá che ha, potrebbe fare molto di piú". Questa é piú o meno la sensazione che rimane dopo aver ascoltato 'Life On Death Road', decimo lavoro in studio dell'artista norvegese. Le doti canore ed interpretative di Lande non possono essere neppure lontanamente messe in discussione, cosí come la qualitá altissima della formazione che lo accompagna, con menzione d'onore per il nostro Alessandro Del Vecchio (qui in veste anche di produttore). L'impegno nella composizione di un album che "spaccasse" si sente e si apprezza, il disco é godibilissimo. La title track é un uragano, uno tsunami musicale, trascinato da riff poderosi, sezione ritmica al tritolo, tastiere sontuose ma non stucchevoli e, naturalmente, una voce ispiratissima. Brani come "Hammered To The Cross" e "Dreamwalker" sono delle gustose chicche da ascoltare e riascoltare, cosí come "Love Is The Remedy". Peró ci sono troppi Whitesnake in questo lavoro, il richiamo a '1987' salta all'orecchio giá al primo ascolto sia nella struttura dei brani, sia nei suoni delle chitarre. Ogni artista ha le sue influenze, questo é un dato di fatto, ma la premiata ditta Coverdale & Sykes é fin troppo presente, soprattutto in "I Walked Away" e "The Slippery Slope", ed é un peccato, perché le potenzialitá di questa formazione sono enormi. "Devil You Can Drive" parte bene, ma ancora si perde per strada, forse per via della sua durata. Fortunatamente, viene seguita dalla splendida "The Optimist", una ballad maestosa, malinconica e struggente, con tutte le carte in regola per entrare nei nostri cuori e risollevarci un po' il morale alla fine di una brutta giornata. Chiudono l'album "Man Of The 80s" e "Blackbirds". La prima é un super single, con tanto di armonie di cori e solo in fading, la seconda funge da solida base per le evoluzioni canore di Jorn, che salta da un'ottava all'altra con una naturalezza invidiabile e dimostra, ancora una volta, come sia capace di enfatizzare al massimo le sue doti interpretative. In sintesi: un buon disco, un'eccellente band, una voce TOP. Con queste premesse, siamo ottimisti sul fatto che il prossimo possa essere il suo vero capolavoro.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Brutal ass sez

BRUTAL ASSAULT FESTIVAL 2017
Josefov Fortress - Jaromer (CZ)

Due anni fa il MetalCamp in Slovenia, quest'anno il Brutal Assault, praticamente i due festival più a misura di fan disponibili sul mercato europeo. Troppo grandi e dispersivi i rinomati Hellfest e Wacken, troppo lontani quelli scandinavi, nell'impon...

Sep 18 2017

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web