You are here: /

IT BITES: THE TALL SHIPS

data

13/11/2008
84


Genere: Prog Rock
Etichetta: Inside Out
Distro:
Anno: 2008

Dopo quasi due decadi di silenzio ritornano gli It Bytes con formazione per metà cambiata. Rimpiazzato Frank Dunnary - lasciando la band al tempo ne decretò anche lo scioglimento - con John Mitchell(Arena), il gruppo risorge con 70 minuti di musica in cui prosegue il discorso interrotto nel 1990, e ne rinnova i connotati. 'The Tall Ships' è un misto di prog rock d'oltremanica caro a gente come Pendragon, Pallas, IQ ed agli Yes della seconda parte della loro carriera - quella più finemente rock, per intenderci - e di elegante e pomposo rock melodico. In tal senso, provate ad ascoltare "Fahrenheit" e ditemi se non ci sentite linee melodiche tipiche degli Harem Scarem. Un disco che impressiona per la qualità degli arrangiamenti, per esecuzione, per un suono moderno e caldo allo stesso tempo, e soprattutto per una quantità di brani davvero accattivante. Forse solo "Great Disaster" non risulta all'altezza, poco convincente con la sua prolissa cantilena ripetuta per tutto il brano. Per il resto siano di fronte ad un piccolo gioiello, a brani come "The Wind That Shakes The Barley" che da solo vale la pena dell'acquisto del CD, con un ritornello che ti si inchioda nella testa e che intoni anche mentre dormi. Tappeti di tastiere e chitarra - quest'ultima vibrante anche in fase solista - che danno vita esclusivamente ad emozioni senza mai snaturarsi in inutile tecnicismo sono il motore principale di 'The Tall Ships', lavoro ispirato, dinamico, romantico, affascianante. "Ghosts" incanta, "For Safekeeping" mette i brividi, "This Is England", lunga e sontuosa suite dove entrano in gioco inevitabilmente anche i Genesis, danno ulteriore lustro ad un ritorno col proverbiale botto. E che botto: riecheggerà a lungo, molto a lungo.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Meshuggah

MESHUGGAH
Orion Club - Ciampino (Roma)

Gli inventori del djent metal finalmente vengono a sversare la loro furia iconoclasta e corrosiva nella capitale - 19 giugno scorso. Il fine settimana che ha preceduto il live degli svedesi è stato uno dei più impegnativi economicamente e logisticamente...

Jul 6 2018

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web