You are here: /

DARK QUARTERER: THE ETRUSCAN PROPHECY

data

07/05/2006
90


Genere: Epic Metal
Etichetta: Metal Legions
Anno: 1989

Questo disco è la vera e propria prova del nove per i Dark Quarterer ed è senz’altro uno dei lavori più significativi della scena metallica tricolore degli anni ottanta. Se la produzione scadente era il peggior difetto dell’omonimo debutto, The Etruscan Prophecy gode di un suono nettamente più curato e di una registrazione complessivamente discreta. Le canzoni in media sfiorano i dieci minuti di durata e seguono il modello della vecchia "Colossus Of Argil": strutture praticamente progressive, lunghe parti strumentali e quel tono sempre evocativo che tanto ricorda l’hard ‘n’ heavy epico dei primi anni ottanta. "Retributioner" è un’opener enfatica, molto classica nei suoi riff dal sapore quasi americano, mentre "The Etruscan Prophecy" è il prototipo del tipico Dark Quarterer style. Una tenebrosa narrazione introduttiva ci conduce agli spettacolari assoli di chitarra e ai solenni ritornelli di una suite così epica da far venire i brividi anche gli animi più spartani. Il tutto è accompagnato da un suggestivo quanto inquietante testo su un’antica profezia del popolo etrusco, al quale i musicisti toscani si sentono giustamente legati (per la cronaca: la foto della copertina è stata scattata nientemeno che a Populonia, celebre sito archeologico etrusco a pochi chilometri da Piombino). Con la seguente "Devil Stroke" i Dark Quarterer sono ora malvagi come i Mercyful Fate, ora epici come i Manowar di Bridge Of Death, ora tecnici e ispirati come solo loro sanno essere e ci regalano così uno dei pezzi più teatrali che abbiano mai scritto. Da citare anche la conclusiva "Angels Of Mire", altra monumentale suite bella almeno quanto la title track, impreziosita dagli inconfondibili assoli di Fulberto Serena, dai tempi complessi e mai scontati di Paolo Ninci e dalla voce di Gianni Nepi, come sempre protagonista indiscussa del trio. Pezzi come quelli sopra citati dovrebbero spingere all’acquisto di questo capolavoro chiunque abbia un minimo di interesse per la scena musicale più autentica e sincera del proprio paese.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Brutal ass sez

BRUTAL ASSAULT FESTIVAL 2017
Josefov Fortress - Jaromer (CZ)

Due anni fa il MetalCamp in Slovenia, quest'anno il Brutal Assault, praticamente i due festival più a misura di fan disponibili sul mercato europeo. Troppo grandi e dispersivi i rinomati Hellfest e Wacken, troppo lontani quelli scandinavi, nell'impon...

Sep 18 2017

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web