You are here: /

DARK LUNACY: THE DIARIST

data

25/11/2007
90


Genere: Gothic/Death
Etichetta: Fuel Records
Anno: 2006

Sono passati tre anni dall'interessante 'Forget - Me - Not', ed eccoli di nuovo qui, i Dark Lunacy, una delle più interessanti realtà metal europee (dire italiane a questo punto sarebbe oltremodo riduttivo). Qualora servissero delle presentazioni, il combo emiliano è dedito a un sound catalogabile nel Melodic Death di scuola scandinava, quello dei Dark Tranquillity per capirci, con un gusto melodico molto decadente e gotico. I Dark Lunacy, nel loro immaginario concettuale, si sono sempre rivolti all'iconografia e alla cultura russa, infatti anche 'The Diarist' non è da meno. L'album rappresenta un vero e proprio diario dei 900 giorni di resistenza sovietica durante l'invasione nazista (1941-1944). Musicalmente la crescita che si presagiva già dal lavoro precedente c'è stata: il riffing è notevolmente migliorato, sia nella tecnica (aspetto comunque non fondamentale nella musica dei Dark Lunacy) che nella ricercatezza e nell'efficacia, e il gusto melodico dell'intero lavoro è quanto mai gotico, decadente e maestoso, con ispirati e semplici fraseggi di chitarra circondati dalla triste aura melodica del pianoforte. Ma la cosa che maggiormente colpisce dell'album è la sua cupezza. Il sound è diventato più aggressivo, perdendo in parte quella sua aura vagamente dark, ma anche più triste. E brani come la struggente ballad "One Memory's White Sleigh", con inserimento di voce femminile, tra l'altro, rende bene questo aspetto, rende bene l'anima dei Dark Lunacy. Ma come già detto, qusto album è anche maestosità, e l'inno "The Heart Of Leningrad", insieme alla dura e marziale "Motherland" ne sono ottima testimonianza. Un album stupendo, decadente e melodico ma capace di far male, al momento giusto. Un'indiscutibile conferma di qualità da una band che meriterebbe molto più di quanto raccolto finora.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Shoresnull

SHORES OF NULL
Traffic - Roma

‌In tempi di covid ritrovarsi ad un concerto metal in un club pieno per i 4/5 della capienza è una straripante vittoria. Il merito è tutto delle due band romane che hanno condiviso il palco (chiedo venia agli Inno che non troveranno copertura in qu...

Dec 28 2021

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web