You are here: /

ZELLO: FIRST CHAPTER, SECOND VERSE

data

23/02/2005
67


Genere: Progressive Rock
Etichetta: Lion Music
Anno: 2004

Ormai è appurato che la Lion Music è specializzata in ristampe, tributi e guitar heroes. E infatti ecco l'ennesima ristampa, stavolta di una semisconosciuta band svedese, gli Zello, il cui esordio risale al 1996. Questa riedizione ha perlomeno alcuni pregi: l'inserimento della chitarra (nella prima versione non c'era!!), un paio di brani aggiunti, e alcuni arrangiamenti modificati. Nonostante permangano alcuni dubbi sull'utilità di un lavoro di questo tipo, bisogna ammettere che il disco in questione non è male; pesantemente influenzato dall'hard settantiano, Deep Purple in primis, il combo svedese gioca la sua carta migliore con il violino di Lennart Glenberg, abile a creare atmosfere e melodie accattivanti in ogni canzone. L'opener, "Fairy Queen", sprizza energia da ogni nota, e trascina l'ascoltatore nel mondo un po' folk degli Zello. "Little Eve" è solo il primo di una serie di intermezzi musicali piazzati tra una canzone e l'altra... francamente non ce ne'era proprio bisogno, dato che non sono propriamente di altissimo livello, ma tant'è. "Hold On" è un buon brano, orientaleggiante e potente, rovinato solo dall'eccessiva lunghezza... un paio di minuti in meno avrebbero certamente giovato alla sua efficacia. Niente male anche la successiva "The Children Are Crying", impreziosita da un ritornello immediato e molto molto "catchy". L'influenza dei Deep Purple si fa largo prepotentemente in "The Angels Have Fallen", uno degli episodi migliori del cd; accattivante, settantiana, sarebbe interessante sentirla in sede live. Assolutamente incomprensibile, invece, la strumentale "The Humming", che non solo è inutile, ma addirittura infastidisce nella sua pochezza. "Voyager" è un brano roccioso non troppo riuscito, seguito dall'ennesimo intermezzo che ci porta dritti dritti a "Traffic Jam": Deep Purple, Deep Purple, e ancora Deep Purple, e guarda caso un altro brano perfettamente riuscito, con richiami allo stile di Glenn Hughes e un ritmo incalzante e irresistibile, che si collega alla successiva "Throug Clouds Of Virgin Angels", unica strumentale davvero riuscita di tutto il disco. La conclusione è affidata a una versione live di "Hold On", senza chitarra, senza grinta, con un cantato approssimativo... insomma, era meglio non inserirla.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Appunti01

HYPOCRISY – SEPTICFLESH
Orion - Ciampino (Roma)

Primo grande evento della stagione concertistica autunnale della capitale e quale migliore occasione per assistere al set di due band che, in maniera diversa, hanno fatto la storia del genere estremo. "Apertura delle danze" riservata ai finlandesi Horizon I...

Nov 22 2022