You are here: /

YOUNG, PAUL: Chronicles

data

28/02/2011
70


Genere: West Coast
Etichetta: Escape Music
Distro:
Anno: 2011

Primo: non confondere questo Paul Young con il suo omonimo, celebre per le varie "Love Of the Common People" e "Wherever I Lay My Hat (That's My Home)". Secondo: rammentarsi che è stato una colonna portante dei Mike And The Mechanics. Terzo: un infarto l'ha portato via nel 2000. Fatte queste dovute premesse è necessario fare presente che ha avuto una carriera lunghissima e costellata da ottimi momenti e che, ovviamente, la sua voce calda, armoniosa e colma di colori era unica. Questo progetto nasce dal fatto che, ad anni di distanza dalla sua scomparsa, amici e collaboratori i quali hanno avuto l'onore di lavorare con lui negli anni, hanno potuto mettere mano sul suo archivio, completare, ri-registrare fedelmente quel che di inedito Paul ha lasciato. Quel che abbiamo quindi fra le mani è una sorta di testamento inedito di questo grande personaggio inglese, troviamo il pesante apporto di Mike Rutherford alla chitarra, le due chitarre dei 10cc Gouldman e Stewart, Martin Kronlund dei Salude e Gypsy Rose, la band di Paul precedente ai Mechanics, i Sade Cafe' al completo e tanti altri. Quanto contenuto nei tredici brani è un west coast molto ispirato e leggero, a tratti ispirato dai generi proposti dalle sue precedenti esperienze; momenti toccanti crescono in "House Of Many Nations", nel duetto con il tastierista dei Mike, Paul Carrak, in "Grace Of God", la poesia di "Here Come The Future". Ovvio, è un disco "leggero", va ascoltato in religioso silenzio, facendo propri i sentimenti qui profusi, certamente sensazioni positive e profonde. In assoluto prodotti come questo, così come per l'ultimo di Dan Reed (con le dovute differenze stilistiche), fanno rilasciare le tossine negative, hanno la peculiarità di non fare mai mancare l'attenzione dell'ascoltatore anche se non ci sono chitarre distorte e doppie casse, anzi, è proprio questo il valore dell'opera: brani soavi che rendono il cervello attivo al suo massimo. Addio Paul, grazie per lo straordinario testamento che ci hai lasciato.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Flyer

GOBLIN REBIRTH
Killjoy - Roma

Assistere ad un concerto il 23 luglio scorso durante il post covid è stato veramente un evento raro per gli amanti della musica. A ciò aggiungasi: locale all'aperto (Killjoy) con tanto di brezzolina rinfrescante, possibilità di cenare grazie ...

Aug 12 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web