You are here: /

WHITE WIDDOW: White Widdow

data

17/10/2010
85


Genere: Melodic Rock
Etichetta: Aor Heaven
Distro:
Anno: 2010

Quando si parla di Australia si pensa solo ad Ac/dc, Inxs e ad altri pochi artisti. Oggi c'è una scena molto attiva che produce nomi molto interessanti e tutti da seguire, ma non credevo che con questi White Widdow mi sarei trovato di fronte ad un prodotto che sembra un relic registrato negli anni '80 e mai pubblicato fino ad oggi. La band invece nasce nel 2008 e si professa come portabandiera dell'arena rock oramai scomparso prendendo le veci dei vari White Sister, Survivor e Dokken. Il disco ad onor del vero è un compromesso tra i Valentine, Giuffria, Danger Danger e Bad English. I pezzi sono ben strutturati e ottimamente bilanciati nelle tastiere di Xavier Millis e le chitarre di Enzo Almanzi (molto George Lynch). Il singer Jules ha molto del Paul Laine o Micth Malloy nella timbrica e nei colori della voce, insomma, si sono indubbiamente calati nella parte del genere di cui vogliono rendersi paladini e, dopo alcuni ascolti, si può affermare che il risultato è stato centrato appieno. Certo, il già sentito si rincorre per tutte le dieci tracce, ma in questo genere oramai non si scopre più nulla di originale: "Spirit Of Fire" sembra un tributo ai Treat, il finale di "Broken Hearts Won't Last Forever" è impietosamente niente altro che "Wings" dei Tyketto, "Shadows Of Love" sono le Heart dei tempi d'oro al maschile. E potrei andare avanti all'infinito nel torvare similitudini per i restanti pezzi di questo prodotto, ma rimane il piacere di assaporare queste atmosfere che sembravano perse, i ritornelli rimangono irrimediabilmente in testa e si sa già cosa aspettarsi da ogni riff, pre o bridge, ma forse è anche questo il bello: i nostri canguretti mettono di buon umore ed è splendido che ragazzi così giovani si dedichino così con passione verso un genere che quando era in auge loro non erano ancora nemmeno degli ectoplasmi. E poi, quale musicista non ha mai scopiazzato da qualcuno?

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Franticsez

FRANTIC FEST 2019
Tikitaka Village - Francavilla al Mare (CH)

Nato in maniera già particolarmente ambiziosa due anni orsono, il Frantic Fest di Francavilla al Mare (CH) si è rivelato ben presto il punto di riferimento più importante della scena metal estiva del centro Italia. Lo staff del Frantic Fest, e l&...

Aug 28 2019

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web