You are here: /

VIOLET SUN: Loneliness In Supremacy

data

15/11/2010
78


Genere: Progressive/Power metal
Etichetta: Melodic Rock Records
Distro:
Anno: 2010

Dall’ormai lontano 1996 sino al 2003 Dario Grillo è stato il frontman degli italici power metallers Thy Majestie a cui sono seguiti nel 2004 i Platens (in realtà un one-man project). Ora il nostro torna con un rinnovato progetto che unisce le sue tante passioni musicali (qualcuno direbbe anime): i Violet Sun. Ad accompagnarlo in questa nuova avventura troviamo i fratelli Massimo e Alessandro, rispettiavamente al basso e dietro le pelli, e il soprano Alessandra Amata insieme a valenti ospiti. Il mastermind resta Dario Grillo che suona quasi tutti gli altri strumenti (orchestrazioni comprese), oltre a far da contraltare maschile ai vocalizzi dell’Amata. Come suonano questi Violet Sun? Pur definendosi gothic power metal è evidente sin dal primo ascolto che la proposta è molto più varia spaziando dal power metal (a tratti più speed alla Stratovarius) al progressive ("Synthetic Pleasures" ne è forse l’esempio più evidente), toccando il più classico AOR (gran colpaccio la romantica pomp-oriented "Falling In Love"), senza dimenticare l’influenza forse più marcata, soprattutto nell’interpretazione e in certi passaggi più sinfonici, dei Nightwish che permea tracce come la lunga "Cross The Line". 'Loneliness In Supremacy' è senza dubbio un album denso e complesso, pur nella scelta apparentemente facile del polistrumentista palermitano di dare spazio principalmente alla melodia dei duetti vocali tra la sua ugola più carismatica e la sua interpretazione più "sofferta", e l’esibizione dell’Amata (decisamente più anonima quando non derivativa della Turunen) mai sopra le righe. Passare dalla Nightwish-song di "Cross The Line" all’AOR di "Falling In Love" non è certamente cosa indolore, così come l’inserimento di un romantico sax insieme a sonorità più orientaleggianti, o il gothic di una traccia come "Pray On The Grave" che segue il power-prog della precedente, però vi garantisco che nell’insieme (curato nel mastering da Mika Jussila ai Finnvox Studios) è un debut di pregevole fattura e che non stanca dopo ripetuti ascolti, fattore quest’ultimo mai da sottovalutare. Menzione speciale per la conclusiva title track, una rilettura strumentale per piano e orchestrazioni dell’opener "Dust in the wind", ricca di pathos pur nella sua brevità, che chiude il cerchio sonoro tracciato con maestria da Grillo.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

22728964 1866395607022985 2785805382430835657 n

WUCAN + WEDGE
Spazio Ligera - Milano

Negli spazi nascosti della taverna dello Spazio Ligera a Milano, nella serata di venerdì 3 novembre, MartianArt ha assemblato una combo dai ritmi e dalle sonorità infuocate, grazie all’apporto di due band made in Deutschland che non fanno altro ch...

Nov 21 2017

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web