You are here: /

RAISING FEAR: AVALON

data

15/10/2006
71


Genere: Power Heavy
Etichetta: Dragonheart
Anno: 2006

Avalon: l'isola leggendaria su cui riposa re Artù, in attesa di risvegliarsi e regnare nuovamente in un'epoca di pace e prosperità. Secondo le molte leggende che la riguardano, l'isola sarebbe una sorta di tabernacolo ante litteram, un luogo fuori dal tempo e dallo spazio che custodisce alcuni dei più grandi segreti dell'umanità e della Fede. Il concept dei Raising Fear si rifà a questa tradizione estesa, per cui Avalon non è una semplice tomba: è il luogo dei culti, della conoscenza, del Graal ed altro ancora. E' un luogo inumano che più di ogni altro rappresenta l'essenza stessa dell'umanità. Ed è per questo motivo che il protagonista del disco, immerso in un mondo futuristico fondato sulla tecnologia e sul meccanicismo umano come fonte di progresso, ha proprio l'isola di Avalon come destinazione, in un viaggio di crescita e di ricerca personale e mistica, in cui l'individuo è tramite per la salvezza di tutto il gruppo cui appartiene. Il disco non racconta tutta la storia, è piuttosto un prologo a ciò che sarà: un'introduzione al processo di maturazione di Wolfram, il protagonista, il prescelto dall'Ordine per la salvezza dei suoi membri. Il suo viaggio, simbolicamente virgiliano e strutturalmente tarantiniano (nel senso che la "regia" del disco non segue un lineare ordine temporale), inizia per non concludersi nei 61 minuti del CD, quasi a ricordare Leiji Matsumoto: "ciò che conta non è la meta, ma il viaggio". Lo stile dei Raising Fear, come è loro abitudine, è un interessante ibrido delle influenze dei singoli membri del gruppo, che spaziano dal Prog al Power al Classic al Thrash: il risultato è un Power Heavy vagamente alla Grave Digger, dai suoni però più solenni e meno taglienti. Il limite di "Avalon" è rappresentato da una certa pesantezza d'ascolto: non è assolutamente un disco "da sottofondo", ma piuttosto richiede parecchia attenzione. Un ascolto distaccato rischia di scadere nella noia, a causa della notevole lunghezza di alcuni brani (la title-track è una suite di quasi 14 minuti) e delle frequenti variazioni stilistiche all'interno della stessa canzone; piuttosto è un disco da ascoltare in poltrona, possibilmente ad un buon volume, con un bicchiere di vino in mano e concentrandosi il più possibile sulla musica e sui testi. Nonostante questa difficoltà, si tratta certamente di un buon prodotto, pur se alcuni passaggi potevano ricevere una maggior attenzione in fase di mixaggio, risultando così più potenti e ricchi di pathos. Ad uno sguardo complessivo, "Avalon" risulta un prodotto impegnativo, poco immediato, ma ricco di soddisfazioni per l'ascoltatore più attento che cerchi uno stimolo complesso.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Flyer

GOBLIN REBIRTH
Killjoy - Roma

Assistere ad un concerto il 23 luglio scorso durante il post covid è stato veramente un evento raro per gli amanti della musica. A ciò aggiungasi: locale all'aperto (Killjoy) con tanto di brezzolina rinfrescante, possibilità di cenare grazie ...

Aug 12 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web