You are here: /

NEIGE ET NOIRCEUR: Vent Fantome

data

17/05/2018
80


Genere: Ambient, Black Metal, Drone
Etichetta: Avantgarde Music
Distro:
Anno: 2018

Impulso distorto, eco che si perde nell’immensità di un’anima tremante, rattrapita da un gelo che ha radici profonde.  La one-man band canadese Neige et Noirceur racchiude in sè tutto ciò, uno snodo da cui tribolazioni restano ancor più aggrovigliate, in cui i pensieri si accavallano. Vi parliamo qui del settimo capitolo di una  carriera iniziata nel 2005.  Ansia sublima in quiete improvvisa, sussurri trasportati dal vento in cui l’odio alimenta lo scontro, senza nemmeno più comprenderne la ragione. Subentra una sorta di silenzio interiore, una muta violenza che non risulta meno angosciante del più violento black metal, filone qui rappresentato nella sua più intimista espressione. Unitamente a ciò vi sono atmosfere di matrice ambient e sviluppi dilatati e mastodontici in tipico stile drone/doom. Vent fantôme  richiede una certa pazienza all’ascolto, preda degli amanti di Darkspace e Paysage d'Hiver, cullandoci in un’estasi sensoriale in cui tutto viene percepito distante, ovattato, quasi  fossimo sospesi tra coscienza ed incoscienza. L’incubo diventa realtà, presagi si materializzano per poi svanire, ingannandoci e ridestandoci da un sonno che pareva mortale. Un attimo, un movimento degli occhi nel vento freddo, un’agonia il cui termine è tregua a cui poi, coscienziosamente, diciamo no.  Due brani da più di ventidue minuti l’uno vi danno l’idea della consistenza e lentezza del decorso di un full-length tutt’altro che semplice da assimilare. Chi non ama questo tipo di proposta, continuerà di certo a farlo, poiché non vi è qui alcuna intenzione di spostare di una virgola i dogma del filone. Discorso diverso invece per chi mastica il black e il drone in una miscela certamente inquietante. E’ indubbio come i Neige et Noirceur colgano a pieno il bersaglio, andando a segno a livello di emozioni suscitate, senza però metterci personalità o bagliori che li facciano distinguere tra la marea nera del genere. Ritmiche serrate, rumorismo e poi stasi si susseguono in un’innaturale inerzia di intenti, quasi la vita e la morte diventassero un unico gesto, legate tra gioie e dolori, consolazione e tormento. Il tempo perde significato, unità di misura dissolta in cui inizio e fine si abbracciano in un cerchio di volontà. Vi consigliamo di ascoltare Vent fantôme, di lasciarvi andare e di viaggiare in un gorgo in cui potrete rivedere parte di voi stessi.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

40b0adfee8

MOGWAI + FRANZ FERDINAND
Auditorium Parco della Musica - Roma

Cosa hanno in comune i Mogwai ed i Franz Ferdinand da unirli in un unica tournee? Musicalmente nulla, se non fosse per la provenienza geografica (Glasgow - Scozia); organizzare un tour del genere massimizza la presenza di pubblico ma non sempre soddisfa il gusto di c...

Aug 18 2018

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web