You are here: /

MR. BISON: Holy Oak

data

11/05/2018
75


Genere: Stoner, Psych
Etichetta: Subsound Records
Distro:
Anno: 2018

Annunciato da un video promozionale pubblicato su queste pagine solo una manciata di giorni fa, ecco approdare su questi schermi e nelle nostre orecchie la nuova fatica dei Mr. Bison, compagine toscana giunta al terzo LP. La formazione a tre elementi, (tutti sorprendentemente con lo stesso nome) celata da un moniker che rimanda ai più classici dei videogames anni ottanta è foriera di uno stoner dalle tinte robuste che strizza l'occhio alle sonorità più classiche del rock blues che cattureranno l'attenzione dei seventies addicted. Si parte con la granitica "Roots", un omaggio alle radici dello stoner più fuzzoso e roboante con il suo incedere pachidermico che non fa prigionieri erigendo le fondamenta di quel compatto muro sonoro che non ci fa accusare la mancanza di un bassista all'interno del trio. Le influenze più lisergiche e psichedeliche entrano in gioco già nella seconda traccia, in "Sacred Deal" vengono innestati i primi germogli che troveranno piena fioritura nei brani che seguono e che sono un tratto distintivo del genere nonché caratteristica precipua dei Mr. Bison; basti ascoltare i funambolici soli frenetici, acidi, "stoned" del richiamato brano. Ma i nostri sanno essere anche accattivanti e melodici nella loro ricerca del sound e delle soluzioni stilistiche, difatti 'Holy Oak' non è solo semplice muro sonoro, ma anche ricerca di melodia catchy orientata verso un sound hard blues più dinamico come in "Heavy Rain", brano frenetico e movimentato che dopo un'intro etereo, scandito da una chitarra cristallina di matrice tipicamente bluesy sfocia in un riffing sincopato e graffiante. Ma il brano che vale il prezzo dell'intero disco e che si guadagna a pieno titolo la vetta del podio è senza dubbio alcuno la title track "Holy Oak", monolite di oltre sette minuti in pieno stile desert rock. Atmosfere roventi e ritmi più rilassati che ci trasportano all'interno di allucinati riti sciamanici in fluttuanti esperienze extracorporee; diversamente dagli altri brani questo rappresenta al meglio il connubio tra durezza sonora e leggerezza melodica, quest'ultima espressa dall'ossessivo e curato riffing chitarristico. Assonanze possono cogliersi anche in "Beyond The Edge" che ripercorre i canoni sui quali poggia la title track e che sicuramente fanno trovare i nostri a loro agio, benchè questa traccia conclusiva impasti all'interno del sound bordate chitarristiche molto più squassanti e sguaiati soli farciti di wha-wha. All'interno di questo massiccio ripescaggio di sonorità vintage si distingue "Red Sun", probabilmente la traccia più (relativamente) moderna o meglio "hard" dell'intero platter che colpisce come un treno in corsa, figlia bastarda di una coppia idealmente composta da Motorpsycho e Motorhead dei giorni che furono; velocità, attitudine e valvole ipersature sono le parole chiave per descrivere semplicemente questo brano. Se vi state chiedendo come possano suonare insieme passato e presente, beh questa è già un'ottima ragione per ascoltare questo disco.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Ministry sez

MINISTRY
Villa Ada - Roma

Il concerto dei Ministry è stato uno degli appuntamenti più attesi dell’estate alternativa romana (se la memoria non ci inganna la prima volta nella capitale per gli americani), in concomitanza con l’uscita del nuovo disco che li ha visti to...

Sep 18 2018

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web