You are here: /

MEMORIAM: The Silent Vigil

data

31/03/2018
65


Genere: Death Metal
Etichetta: Nuclear Blast
Distro:
Anno: 2018

Tornano a tuonare, a distanza di un anno, i Memoriam. La band vede coinvolti alcuni ex-mebri dei mitici Bolt Thrower, progetto nato per ricordare lo scomparso Martin Kearns e che idealmente prende il testimone dei britannici. Tutto molto bello, aspettative alle stelle, in primis per gli amanti degli storici alfieri del genere della morte, perché dal 2005 poi non si sentì più parlare di nuove uscite. Nel 2015 poi la tegola definitiva:  la scomparsa dello storico batterista e lo scioglimento. Partiti subito in pompa magna, con Nuclear Blast alle spalle, hanno sfoderato 'For the Fallen', album che ha avuto l’unico merito di fare una sufficiente figura, con una produzione ed un retrogusto di plastica che non ci convinse. Il successore 'The Silent Vigil' ha perlomeno la lodevole intenzione di lasciarsi alle spalle il sapore di artefatto, riuscendoci. Genuinità che trasuda questa volta, in pezzi che si muovono attorno a lidi ben conosciuti. Nessuna colpa, sia chiaro, in questo. Ciò che non convincono sono invece i brani, la cui prevedibilità è disarmante, senza alcun guizzo e quella verve che i Bolt Thrower hanno costantemente avuto e che qui non si intravede. Il disco scorre via su di un livello che si attesta discreto, diventando via via tedioso e non trasmettendo alcun tipo di scossa. Gli anni sulla voce di Karl Willetts si sentono tutti, come anche la stanchezza del song writing. Riff di chitarra spenti, con qualche rada ripartenza nelle ritmiche a smuoverci. Troppo poco però globalmente per artisti di questo calibro. Continuiamo a pensare che non a caso la coerenza dei Bolt Thrower li avesse portati ad un silenzio così lungo prima di sciogliersi, proprio per la consapevolezza di non poter dare niente di più. I Memoriam hanno forse bisogno di prendersi tempo, per capire quale direzione prendere e per rendersi conto che manca l’entusiasmo necessario. Sufficienza meritata, ma che lascia, come nel recente passato, l’amaro in bocca.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Meshuggah

MESHUGGAH
Orion Club - Ciampino (Roma)

Gli inventori del djent metal finalmente vengono a sversare la loro furia iconoclasta e corrosiva nella capitale - 19 giugno scorso. Il fine settimana che ha preceduto il live degli svedesi è stato uno dei più impegnativi economicamente e logisticamente...

Jul 6 2018

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web