You are here: /

ANNIHILATOR: METAL

data

19/04/2007
Assoli: 86. Brani: 63.


Genere: Thrash Metal
Etichetta: SPV Steamhammer
Anno: 2007

Da un po’ di anni a questa parte la salute di Jeff Waters e dei suoi Annihilator è stata piutosto buona; possiamo far coincidere la risalita all’ingresso in line up di Dave Padden, un singer robusto e dalla grande attitudine, che ha portato una ventata di freschezza nel sound della band canadese. Il precedente “Schizo Deluxe” aveva fatto tirare un sospiro di sollievo a tutti coloro che, delusi da “All For You”, credevano ormai spacciati gli autori di “Alice In Hell” e capolavori assortiti. “Metal” arriva a brevissima distanza dal platter precedente, indicando che Waters è ricco di idee e non vuole starsene con le mani in mano. La particolarità di “Metal” (un titolo, un programma) è quella di includere un guest in ogni singolo brano; si tratta, al 90%, di chitarristi tra i più celebrati della scena metal attuale, che duellano con Jeff in parti soliste da mettersi le mani sui capelli per quanto impressionano. Effettivamente è difficile essere delusi da gente come Laiho, Loomis, Mike Amott, Stromblad, Adler o Beaulieu, e se le delizie chitarristiche di “Metal” sono indiscutibili e vanno godute dalla prima all’ultima, la questione ‘brani’ è un pelo differente. La qualità degli stessi infatti sembra essersi abbassata in modo inversamente proporzionale alla quantità degli assoli, e se è vero che non possiamo certo parlare di pezzi orribili o anche solo brutti siamo ben distanti da quello che ci si sarebbe potuti aspettare. Tant’è che il più riuscito del lotto è “Couple Suicide”, il meno metallico dei dieci e l’unico in cui non compare un guest shredder ma Danko Jones e Angela Gossow dietro il microfono. Un po’ una delusione insomma, sicuramente non un disastro, ma senz’altro qualcosa che poteva essere realizzato decisamente meglio.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Meshuggah

MESHUGGAH
Orion Club - Ciampino (Roma)

Gli inventori del djent metal finalmente vengono a sversare la loro furia iconoclasta e corrosiva nella capitale - 19 giugno scorso. Il fine settimana che ha preceduto il live degli svedesi è stato uno dei più impegnativi economicamente e logisticamente...

Jul 6 2018

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web