You are here: /

MACHINE HEAD: BURN MY EYES

data

05/02/2004
95


Genere: Post Thrash
Etichetta: Roadrunner
Anno: 1994

"Burn My Eyes". Così si intitola lo sfolgorante esordio dei Machine Head, una delle prime band di cosiddetto 'post-thrash'. Il modello nel quale si ritrova la band di Robb Flynn (ex membro dei Vio-lence, una delle tante colonne portanti del thrash bay area all'epoca d'oro) è, sostanzialmente, quello proposto dai Pantera; ma se Anselmo e compagni hanno sempre dimostrato qualche incertezza, soprattutto considerando che per partorire gli unici due dischi davvero validi in curriculum è servito un sacco di tempo, i Machine Head azzerano il punteggio con "Burn My Eyes", radendo il suolo la concorrenza senza pietà. L'opener "Davidian" (canzone per la quale hanno rischiato seriamente di passare alla storia) riuscirebbe a demolire un palazzo di svariati piani, tanta è la potenza sprigionata, ma se pensate che il quartetto statunitense sappia muoversi con disinvoltura solo in ambiti mid-tempo vi sbagliate di grosso. La slayeriana "Blood For Blood" o l'infuocato finale di "A Nation On Fire" segnano tempi di puro thrash primordiale, velocità alle quali i Pantera non hanno mai osato avvicinarsi; e poi ci sono le suggestioni melodiche di "Old", c'è la pesantezza di "Death Church" e il massacro finale di "Block" (mai titolo di un brano fu più azzeccato), la sorellina di "Davidian", dove la band ribadisce la propria superiorità nell'uso assolutamente letale degli armonici di chitarra. "Burn My Eyes" è quindi un album da avere, anche solo per rendersi conto di come hanno spirato i venti metallici prima dell'invasione dei polpettoni riscaldati (power) e del nu metal; è un peccato che i Machine Head, dopo il secondo (validissimo e sottovalutato) "The More Things Change" si siano persi un po' per strada, recuperando ampiamente solo dopo qualche anno con il fresco "Through The Ashes Of Empires". Il loro debutto è però imprescindibile.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Dhoa1

DARK HORIZON OPEN AIR 2020
Gartenfelder Strasse 28 - Spandau, Berlino

Il weekend partito il 10 luglio era stato pensato per il Castle Party di Bolkow (Polonia) che pareva avrebbe avuto luogo nonostante tutta la situazione relativa al coronavirus. Anche il Castle Party ha infine rimandato all'anno prossimo come cosi tanti altri fest...

Jul 22 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web