You are here: /

BATHORY: UNDER THE SIGN OF THE BLACK MARK

data

11/01/2005
95


Genere: Black Metal
Etichetta: Black Mark
Anno: 1987

Nessuno ha mai capito bene perché, ma per il 99% dell'audience metal, la storia dei Bathory inizia con questo terzo, celebratissimo disco. E in effetti è con questo album che i Bathory sono diventati qualcosa di più che una pulce nell'orecchio degli appassionati di "buona musica", ovvero ciò che erano stati con i loro due terrificanti esordi di pura bestialità messa in musica: ma è sempre sotto l'insegna del Marchio Nero che Quorthon e soci combattono la loro spietata battaglia contro le forze del bene! Non aspettatevi un ammorbidimento, già dalla terremotante "Massacre" abbiamo a che fare con un disco realmente estremo e pericoloso, che può per la prima volta beneficiare di una produzione decente: l'inquietante e confusionario ronzio di "The Return" è infatti stato sostituito da un sound incisivo e tagliente, non altrettanto marcio ma senza dubbio più malefico e aggressivo. E tutto ciò soprattutto grazie alla creazione dei un guitar sound molto particolare che si avvicina a quello che sarà l'inconfondibile trademark dei Bathory (e del black metal) del futuro, ovvero una distorsione pesantissima, dal suono letteralmente glaciale, che tempra a dovere i riff ancora una volta taglienti e scarnificati, ridotti all'osso e dissanguati, come le vittime delle terrificanti violenze e dei rituali blasfemi cantati nelle lyrics di questo maledetto e orrorifico pezzo di storia. Ancora una volta infatti lo stile proposto è un thrash metal minimalista ed esasperato, che stavolta però può contare sul songwriting di un Quorthon ben più maturo, che dà finalmente fuoco alle polveri: dopo gli esordi votati alla ricerca della velocità e dell'aggressività a senso unico, i nostri tolgono il piede dal loro acceleratore da F1, e interrompono con riff epici la brutalità di "Equimanthorn", o sparano un micidiale mid/tempo thrash nel grandioso inno "Woman of Dark Desires". Funebre e inquietante la spettacolare "Enter the Eternal Fire", forgiata da un magnifico riff ipnotico e consacrato al maleficio puro, letteralmente saccheggiato dalle black metal bands venture per i loro brani più lenti e putridi, e sulla stessa falsariga anche la storica "13 Candles". D'altra parte, l'incantesimo del black metal è pienamente compiuto nelle violentissime "Chariots of Fire" e "Massacre", con la batteria che vomita blastbeat e il riffing indiavolato al limite della comprensibilità, a fare da contraltare ai momenti più melodici che, come tutti più o meno saprete, cambieranno la storia della band: infatti nei solos di Quorthon, nei chorus gridati ma già anthemici, si avverte benissimo la futura metamorfosi della band… ma questa, come si suol dire è un'altra storia. Nel frattempo, godiamoci questa primitiva e salutare scarica di sangue e dolore, perché "Under the Sign…" rimane senza dubbio l'episodio più estremo e soprattutto ben riuscito degli esordi di una band che si stava prepotentemente facendo strada verso l'Olimpo del Metal. Un disco immancabile.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Meshuggah

MESHUGGAH
Orion Club - Ciampino (Roma)

Gli inventori del djent metal finalmente vengono a sversare la loro furia iconoclasta e corrosiva nella capitale - 19 giugno scorso. Il fine settimana che ha preceduto il live degli svedesi è stato uno dei più impegnativi economicamente e logisticamente...

Jul 6 2018

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web