You are here: /

TOUR DIARY: THE SHIVER: 'Dark Matters' Tour

Shiver

In questo speciale vi raccontiamo in esclusiva il diario di bordo scritto appositamente da Federica 'Faith' Sciamanna, voce e co-leader dell'alternative rock band THE SHIVER, che ci porterà all'interno delle date europee di supporto ai finlandesi THE RASMUS, nell'ambito del tour di promozione del loro ultimo album 'Dark Matters', pubblicato ad ottobre 2017 per Playground Music Scandinavia. Buon viaggio assieme a THE SHIVER!!!

Puntata 2 - Mercoledì 25 settembre - On the road between Wroclaw and Dresden

La cena a Riga è andata bene, "pad thai" giusto per mangiare una cosa tipica [ahahah!!]. Il problema è stato digerire il tutto...

Nel pomeriggio avevo provato a cercare su internet dei parcheggi nel centro di questa città e mi era uscita questa mappa che non riuscivo a comprendere, ma che è stata facile da capire una volta arrivata lì. Appena si arriva nella parte vecchia di Riga ci si trova ad un gate, basta pagare un tot e si può parcheggiare proprio appena dentro la città antica.

Durante il nostro breve giro, abbiamo percorso la strada principale e la via sul mare, e visto almeno 10 chiese in pochi metri. Era sabato sera e alle 22:00 il centro era pieno di gente che faceva la spola da un locale all'altro. Tra l'altro posso confermare che Riga è la città più hipster che io abbia mai visto (dopo San Francisco).

Di notte ci siamo messi in viaggio e per arrivare a Gdansk ci abbiamo messo comunque 10 ore buone. Il problema è sempre il dover circumnavigare l'enclave russa di Kaliningrad, per la quale servirebbero dei visti per noi e per il van. La strada di notte è pericolosissima causa lavori in corso; non sono segnalate le corsie e spesso incontriamo semafori che regolano il passaggio alternato su una sottile striscia di terra dei veicoli in un senso o nell'altro. Aiuto! Ah, i The Rasmus hanno fatto la stessa identica strada col loro tourbus gigante!!

Durante la strada troviamo anche un nuovo amico...

Arrivati a Gdansk ci incontriamo finalmente con gli Overlaps, la band che aprirà gli show ogni sera. Un bel disco all'attivo, questo per loro è il primo tour e sono emozionatissimi. Sono persone molto carine, soprattutto Gloria, la cantante!

Scarichiamo tutte le nostre cose e prendiamo contatto con la produzione dei due eventi in Polonia: i ragazzi di Live Nation Poland sono precisi e professionali, attenti ad ogni dettaglio, non ci fanno mancare nulla! Abbiamo tempo e prima del soundcheck io e Finch ci concediamo la solita oretta di jogging. Purtroppo stavolta il centro città è lontano e riesco a vedere soltanto il quartiere moderno in cui si trova lo Stary Manez.

La Polonia è un paese attualmente pieno di "work in progress". Da qualche anno capitiamo spesso in questo paese e non posso non notare che la società qui sta cambiando rapidamente stile di vita, abitudini, consumi. Le città stanno diventando iper moderne, piene di localini alla moda. Mi ricordano un po' Londra, un po' la Germania. La gente, soprattutto i giovani, lavorano e poi escono, spendono e vogliono divertirsi. Tra un postop e l'altro campagne infinite, e strade disastrate (a parte l'Autostrada).

Il soundcheck si svolge tranquillamente e dalle grandi vetrate del locale si intravede la folla che si sta accalcando fuori. Noi ce ne torniamo tranquilli in camerino ad attendere il nostro momento.

Quando si aprono le porte, gli Overlaps cominciano a suonare. Questo pubblico sarà un po' più difficile da conquistare rispetto a Tallinn.

Alle 19:30 saliamo sul palco, accolti dal pubblico eccitato. L'intro a luci spente crea la giusta suspence e poi "Ocean", il primo brano, trascina tutti nello show. La diffidenza iniziale è subito un ricordo, alla fine del nostro set qualcuno dalle prime file chiede il bis, ma dovrà aspettare il nostro prossimo concerto qui.

Ricaricato il van, ci addentriamo nella fredda notte polacca, siamo a 6°C. Next stop: Wroclaw, che per noi si chiama Breslavia.

Il locale di Danzica era modernissimo, qui invece siamo in piena zona industriale, cemento ed officine. Passando col van per le vie del centro mi accorgo che siamo già stati qui, ma in una venue più piccola.

Arriviamo all'A2 alle 13:00 ed accanto all'entrata degli artisti c'è una piccola fila di fan che riconoscono anche noi.

Questa venue è davvero enorme, ci chiediamo se riusciranno i The Rasmus a fare il pienone anche qui. Tra l'altro, cavoli, sono davvero bravissimi!

  • Raffaele Pisani chiede: Quali sono state le prime impressioni che avete avuto riguardo ad una band come i The Rasmus?
  • Faith risponde: Nella prima data a Tallinn, il bassista Eero ci ha accolti amichevolmente, è subito sembrato molto simpatico! Durante la serata abbiamo conosciuto anche gli altri membri della band. Ogni sera riusciamo a conoscerli un po' meglio, ed in generale, sul palco, sono eccezionali, bravissimi tecnicamente e molto carismatici, senza essere affatto montati. Fuori dal palco sono delle persone umilissime, carine e professionali. Direi che meritano ampiamente il successo che hanno ed è un piacere conoscerli e poterli seguire in questo tour!

 

Scarichiamo, prendiamo possesso in tutto relax del camerino, corsetta e doccia, poi tutto pronto per il check. Stavolta sul palco la situazione non è delle migliori, il fonico resident cambia i livelli degli strumenti nei nostri monitor a caso e mi trovo in seria difficoltà. Per mia scelta, non uso "in ear", mi limiterebbero troppo nei movimenti sul palco e ridurrebbero il contatto col pubblico. Quindi per me è fondamentale avere delle spie funzionanti e dei livelli precisi. Dopo 10 minuti il sound-engineer riesce a soddisfare le nostre esigenze, per poi cancellare tutto quello che di buono aveva fatto subito prima della fine del check. In questi casi, so che comunque mi porterò a casa il live, ma farò comunque tanta fatica. Scendo dal palco apparentemente tranquilla, ma in realtà molto innervosita e vado diretta nel backstage, dove la splendida Agata ha già predisposto tutto per la cena, e mi fa tornare di buonumore. Lei e gli altri ragazzi che lavorano per questo live sono davvero grandi! Mi hanno perfino fatto trovare della pasta BUONISSIMA (seriamente, sembra impossibile ma è così), VEGGIE e SENZA AGLIO.

Dopo un po', comincia il tutto. Mentre gli Overlaps eseguono una gran bella performance, studio un po' il pubblico. Ci sono delle fans venute da Tallinn e da Gdansk, che mi scrivono dalle prime file sui social. Stasera la folla è immensa e molto calda! Quando saliamo sul palco dopo l'intro, il pubblico ci saluta calorosamente!

Fin dalle prime note ci seguono in tutto e per tutto, saltano sull'inizio di "Light Minutes" (seguite su Instagram l'hashtag #1234jump per maggiori informazioni, e preparatevi perché lo faremo anche in Italia!), impazziscono su "The Fragile Sound", finale.

Scendiamo dal palco e sappiamo di aver dato davvero tutto, siamo felicissimi!

Faith - The Shiver

Seguiteci su https://www.facebook.com/theshiver.net/

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Alossez

ALOS
Freakout Club - Bologna

Alos, creatura di luce nuova che si dipana nell’emotività di chi la guarda, la scruta, l’osserva e ne ascolta gli strascichi, il respiro, il suono che ne ingloba lo spazio circostante. Un nuovo progetto, 'The Chaos Awakening', che ritengo d...

Dec 6 2018

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web