You are here: /

BADLANDS: Badlands

Badlands

Sono stati incisi tanti grandi dischi, innumerevoli top album, lavori che indiscutibilmente hanno fatto la storia e/o influenzato le generazioni successive che hanno ricevuto entusiastiche, ma quanto classiche recensioni. Considerato che si tratta dei "biggest records", (biggest perchè "grande" in tutti i sensi), abbiamo pensato bene di dare loro la giusta visibilità e la dovuta dimensione con speciali che provano a scavare in fondo fin dentro le viscere dei contenuti degli album.

Badlands: vitaminici e viscerali fino a mostrare il midollo, reduci da precedenti esperienze che hanno contribuito a rendere il rock duro quell’incredibile carrozzone che porta seco gesta e musica leggendarie: Jake E. Lee chitarrista di Ozzy periodo ’83-’86, Ray Gillen presta la voce per “Eternal Idol” dei Sabbath, ma l’album non verrà mai pubblicato e già precedentemente nel progetto Phenomena, sostituito poi da Tony Martin, (da segnalare anche la sua presenza in "Hall Of The Mountain King" dei Savatage quando si occupo' dei cori in "Strange Wings"), ed Eric Singer, drummer dei Sabbath in “Seventh Star” ed “Eternal Idol”, e dei Kiss in seguito nei ’90. Inzuppati di sudaticcio blues e da quegli umori malinconici, ma allo stesso tempo di speranza che hanno prestato il fianco ai canti di libertà di milioni di soggetti in quegli stati ex schiavisti ai piedi della grande America “evoluta” durante il secolo scorso, ed ispirati dai padri pellegrini Led Zeppelin che per primi conquistarono il territorio hard-blues elevandolo a vero e proprio stato dell’arte. E’ il loro esordio. Intenso, ruvido ed a tratti sospirato, che si muove alla fine di una decade e bussa alle porte di quella a venire senza timori. Un disco al di fuori del tempo, dall’incedere polveroso ed itinerante come in “Rumblin Train”, colonna sonora per corpi irrequieti e senza meta, dall’hard ad alto voltaggio di “High Wire” e “Dreams in the dark”, quest’ultima che strizza l’occhio all’hard melodico, fino ad arrivare alle zeppeliniane e meste sonorità di “Seasons” e “Winter’s Call”. Questi i punti più alti di un disco che meriterebbe comunque menzione particolare per ogni singolo secondo, mai una composizione che non entri dentro senza scuotere l’anima, mai una nota che non farà che lasciare scorrere nelle vene la linfa vitale dei Badlands composta da un mix di sangue, alcool e sudore, e lacrime e polvere ed elettricità (a tal proposito Hard Driver” e “Dancing On The Edge” staccheranno il vostro brutto culo dalla sedia). Fattori non certo meno importati la classe esagerata di Jake E. Lee, pirotecnica, ma calda, l’ugola di Gillen ora sofferente e sussurrante, poi aggressiva ed abrasiva (in diversi punti ricorda mr. Plant). Prima di concludere dedicherei le ultime righe allo stesso mai troppo compianto Gillen, morto di Aids nel 1993: di voci come la sua se ne sente sinceramente la mancanza. Come di dischi di tale caratura.

P 1989 Atlantic Records

Tracklist
01. High Wire
02. Dreams In The Dark
03. Jade’s Song
04. Winter’s Call
05. Dancing On The Edge
06. Street Cry Freedom
07. Hard Driver
08. Rumblin’ Train
09. Devil’s Stomp
10. Seasons
 
Line-up
Ray Gillen: Vocals
Jake E. Lee: Guitar
Craig Chaisson: Bass
Eric Singer: Drums

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Evergrey2

EVERGREY
KB (Kulturbolaget) - Malmö (Svezia)

È pur vero che questa è l'ennesima visita degli Evergrey in città il 28 febbraio scorso (l'ultima risale a meno di un anno fa), ma non esistono scuse per perdersi una data di questo calibro. Si spera sempre che una band di qualità ...

Mar 30 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web