You are here: /

SUFFOCATION: Il seme del Brutal Death Metal

Suffocation human waste

Se vi chiedessimo della nascita del metal estremo rappresentato dal Death Metal, dal Thrash, dal Black Metal o dal Grindcore, difficilmente troveremmo qualcuno impreparato sull'argomento. Entrando nello specifico, tra tutti i generi citati, il Death Metal è quello che maggiormente si è rigenerato ed evoluto mediante l'unione dei due elementi che, nella prima metà dei Novanta, stavano invece dividendo la scena. Tecnica da una parte, brutalità e potenza dall'altra. Death o Morbid Angel? Atheist o Deicide? Un compromesso serviva, ed è così che tra il maggio e l'ottobre del 1991, esattamente 25 anni fa, una band di Long Island faceva la storia, segnando l'esordio suo e quello della Relapse Records. I Suffocation del biondo magrolino Frank Mullen pubblicano l'Ep 'Human Waste', nei quali pesantezza e brutalità raggiungono il livello più alto mai udito fino a quel momento.

Al suo interno un brano in particolare rappresenta senza dubbio il primo esempio di brutal che si ricordi. Con le sue chitarre accordate bassissime, basso e doppia cassa abissali e una voce tra le più gutturali in circolazione, “Catatonia” lascia un seme che solo dopo qualche anno germoglierà definitivamente. I cinque suonano un pesantissimo death, claustrofobico, ma dinamico, tecnico e asfissiante. I brani sono costruiti su più riff intervallati da diversi cambi di tempo, cosa non molto comune in quegli anni. Ma è “Catatonia” che ha qualcosa in più; terribilmente cadenzato, con una doppia cassa non veloce, un riff semplice, ma con un finale definitivo. Un'accelerazione mostruosa, che diventerà in futuro l'abc portante del brutal e dello slam ancor più tardi.

Non a caso i canadesi Cryptopsy, tra i primi ad assimilare tale lezione, nei i loro primi due capolavori 'Blasphemy Made Flesh' e 'None So Vile', incensano di complimenti Frank Mullen e soci nei ringraziamenti interni al booklet. Tornando indietro, complice l'inesperienza, la Relapse si fa portare via la band dal colosso Roadrunner, vera e propria etichetta mattatrice in ambito death metal made in Usa. Il risultato è la definitiva e rapida consacrazione per Frank Mullen, Terrance Hobbs, Doug Cerrito, Mike Smith e Josh Barohn. 'Effigy Of The Forgotten', pubblicato ad ottobre, è ancora oggi un monumento al Death Metal, il reale certificato di nascita del brutal. La ricetta è sempre la stessa: riff lenti, pachidermici, ma incredibilmente belli, avvolgenti e carichi di groove. Anche la sezione ritmica è asfissiante, ma i continui cambi di tempo e gli ottimi assoli creano un ibrido tra tecnica e potenza mai così estremizzati e uniti tra loro.

In quel momento, però, le attenzioni sono tutte per i grandi nomi della scena floridiana. Fanno notizia le rivalità a suon di capolavori tra Death e Morbid Angel e le blasfeme copertine dei Deicide, bersagliati dai fondamentalisti cristiani negli States. E proprio parlando di copertine chiudiamo il cerchio. L'artwork di 'Effigy Of The Forgotten' sostituisce il sangue col ferro, le croci capovolte con l'acciaio di mostri meccanici, atti a divorare resti umani ed a disseminare uova di altri mostri in un panorama da incubo, dominato da futuristiche costruzioni immerse tra montagne di macerie. Se non avete colto il punto, andatevi a vedere le copertine del 90% delle attuali technical brutal band (Deeds Of Flesh secondo periodo, Beheaded, e tanti gruppi della Unique Leader su tutti), e vi renderete conto dell'impatto che questa straordinaria e per anni sottovalutata band ha avuto esattamente 25 anni fa.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Eoe

EAST OF ELI ft. CHYLER LEIGH
Traffic Live Club - Roma

Nel giugno 2017 avevamo avuto il piacere di assistere al primo concerto in Italia di East Of Eli (aka Nathan West) con la partecipazione di Chyler Leigh (Alex Denvers in Supergirl). Un anno dopo, il ritorno a Roma per EoeXtour

Jun 15 2018